Marco Mengoni, Parole in circolo – testo e video –

di Redazione Commenta

È appena uscito Parole in circolo, il terzo singolo del nuovo album di Marco Mengoni, Le cose che non ho.

 

Firmato da Niccolò Celaia e Antonio Usbergo, il video, interpretato da Marco Mengoni, rappresenta il secondo capitolo della storia cominciata con il primo singolo.

Nel video Marco giunge in un piccolo centro abitato e di ferma in un hotel. Poco dopo viene svegliato di soprassalto e si ritrova vestito di abiti elegantissimi.  Seguendo le indicazioni di una busta con una serie di coordinate, il cantante si ritrova nella grande sala di un ricevimento dove incontra una sua vecchia amica. Intanto due camerieri si scambiano sguardi minacciosi e sigillano le porte della sala. Che cosa accadrà? Intanto ecco il testo e il video del brano.

 

 

Ecco il testo di Parole in circolo.

Credo che ognuno abbia il suo modo di star bene

In questo mondo che ci ha intossicato l’anima

E devi crederci per coltivare un sogno

Su questa terra spaventosamente arida

Io l’ho vista sai la vita degli illusi

Con le loro dosi di avidità e superbia

Che per combatterli ti giuro basta poco

Devi interdirli con un po’ di gentilezza

Un’alluvione mi ha forgiato nel carattere

Però il sorriso dei miei mi ha fatto crescere

Se qualche volta ho anche perso la testa

Però l’amore mi ha cambiato l’esistenza

Quante cose fai che ti perdi in un attimo?

Quanti amici hai che se chiami rispondono?

Quanti sbagli fai prima di ammettere che hai torto?

Quanti gesti fai per cambiare in meglio il mondo?

Libero, libero, libero, mi sento libero

Canto di tutto quello che mi ha dato un brivido

Odio e ti amo e poi amo e ti odio

Finchè ti sento nell’anima non c’è pericolo

Dicono che è un’altra ottica, se resti in bilico

Dicono che più si complica, più il fato è ciclico

Dicono, dicono, dicono parole in circolo

Parole in circolo

Credo che ognuno abbia una strada da percorrere

Ma può succedere che non ci sia un arrivo

E quanti piedi che s’incroceranno andando

Ma solo un paio avranno il tuo stesso cammino

Ne conosco gente che sta ancora in viaggio

E non si è mai chiesta in fondo quale sia la meta

Sarà che forse dentro sono un po’ re Magio

E cerco anche in cielo una stella cometa

Una passione mi ha cambiato nella testa

Ma sono un sognatore con i piedi a terra

Cerco di trarre da ogni storia un’esperienza

E di sorridere battendo la tristezza

Quante cose fai che ti perdi in un attimo?

Quanti amici hai che se chiami rispondono?

Quanti sbagli fai prima di ammettere che hai torto?

Quanti gesti fai per cambiare in meglio il mondo?

Libero, libero, libero, mi sento libero

Canto di tutto quello che mi ha dato un brivido

Odio e ti amo e poi amo e ti odio

Finchè ti sento nell’anima non c’è pericolo

Dicono che è un’altra ottica, se resti in bilico

Dicono che più si complica, più il fato è ciclico

Dicono, dicono, dicono parole in circolo

Parole in circolo

Libero, libero, libero, mi sento libero

Canto di tutto quello che mi ha dato un brivido

Odio e ti amo e poi amo e ti odio

Finchè ti sento nell’anima non c’è pericolo

Dicono che è un’altra ottica, se resti in bilico

Dicono che più si complica, più il fato è ciclico

Dicono, dicono, dicono parole in circolo

Parole in circolo

Libero, libero, libero, mi sento libero

Canto di tutto quello che mi ha dato un brivido

Odio e ti amo e poi amo e ti odio

Finchè ti sento nell’anima non c’è pericolo

Dicono che è un’altra ottica, se resti in bilico

Dicono che più si complica, più il fato è ciclico

Dicono, dicono, dicono parole in circolo

Parole in circolo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>