Marianne Puglia rivela di aver usato Ciro Petrone per rendersi più interessante agli occhi degli spettatori!

di Redazione Commenta

Marianne Puglia torna a parlare della sua esperienza a La Fattoria e del suo rapporto con gli uomini che l’hanno accompagnata lungo il percorso nel reality, Ciro Petrone in Brasile e il famigerato Cesar in studio con Paola Perego.

La ragazza a Visto rivela di aver utilizzato ogni strategia per rendersi interessanti agli occhi del pubblico tanto che dieci giorni prima di partire si è messa d’accordo con Marco, il suo fidanzato storico, di dichiararsi single per poter potersi giocare la carta amorosa al reality.

Ciro Petrone, dunque, per Marianne è stato solo un diversivo e l’ex concorrente de La Fattoria lo dice senza mezze misure, facendo capire, che il napoletano era troppo brutto per una come lei:

A “La Fattoria” ho fatto l’attrice. Quando ho capito che Ciro era interessato a me, ho preso la palla al balzo ed ho iniziato a scherzare e a giocare con gli autori. La mia è stata una strategia per creare aspettative sul mio personaggio. Ho giocato tutte le carte che avevo a disposizione. Chi mi conosce sapeva benissimo che non potevo essere innamorata di Ciro, non è l’ideale di uomo che voglio avere al mio fianco. Basta guardare Marco e capire immediatamente la differenza: il suo soprannome è Big Jim.

Anche Marco, il fidanzato, ha detto la sua a Visto:

Lo ammetto: un po’ di gelosia l’ho provata. Ma l’unica cosa che non mi è piaciuta è stata la scelta di Ciro. Io sono un esteta e vedere la bellezza di Marianne vicino a Ciro non è stato piacevole dal punto di vista dell’immagine. A quel punto ho capito però che Ciro serviva a Marianne solo come richiamo mediatico la vicinanza di Ciro le è servita come compagnia, un semplice momento d’evasione…

Grazie a Marianna abbiamo capito che i reality con la realtà molto spesso non hanno nulla a che fare. Peccato che certa gente prenda in giro la buona fede del pubblico a casa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>