Marika Fruscio ammette: “Ho fatto qualche ritocchino, ma il mio seno è naturale”

di Redazione 2

Marika Fruscio è diventata famosa per il suo seno prorompente e assolutamente naturale abbondantemente mostrato nel cliccatissimo calendario senza veli, ma il fatto che la showgirl non sia ricorsa alla chirurgia estetica per gonfiare il suo decoltè non vuol dire che non lo abbia fatto per correggere qualche altro difettuccio, ad ammetterlo è la diretta interessata.La Fruscio, in un’intervista a Gentevip.it, ammette di essere ricorsa alla chirurgia estetica:

Sì, ma senza esagerare. Semplicemente ho fatto dei piccoli ritocchi che mi hanno addolcito lo sguardo e alleggerito i lineamenti troppo marcati che appesantivano il volto. La blefaro inferiore mi ha tolto quelle fastidiose borse nere che rendevano il viso terribilmente stanco, nonostante le tante ore di sonno . Il viso , al mattino , ora è fresco e rilassato e anche l’ utilizzo del trucco mattutino è molto limitato: solo un po’ di rimmel e fard. Ho eliminato correttori e fondotinta.

Marika racconta che l’aver ritoccato il naso le ha cambiato la vita:

Il naso mi ha cambiato la vita! Ho optato per un naso naturale, lontano dai prototipi di naso standardizzati! E di forma naturale, armonica e non ha stravolto il mio viso. Il chirurgo è stato bravo ad interpretare la mia fisionomia, rispettando la mia mediterraneità!

L’ex corteggiatrice non teme di diventare dipendente dalla chirurgia estetica:

Io? Io non sono dipendente da nulla, figuriamoci da questi! Direi che quelli che ho fatto bastano e avanzano! 

Infine la showgirl da un consiglia alle ragazze che vogliono seguire il suo esempio:

Di affidarsi a un bravo ed esperto chirurgo. Un vero professionista, non un ciarlatano!

A seguire trovate una ricca gallery del backstage del suo calendario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>