Masterchef 4 contro Striscia la Notizia, Stefano non ha violato il regolamento

di Redazione Commenta

Masterchef 4 si è concluso da qualche settimana con la vittoria annunciata di Stefano Callegaro.

Striscia la Notizia però ha continuato con le sue indagini accusando proprio Stefano di aver violato il regolamento della trasmissione dato che ha già lavorato come chef presso alcuni ristoranti, fra cui Stigusti di PortoViro e Ofiziàl di Adria. 

A parlare adesso è Magnolia, la casa di produzione di Masterchef, per mettere un freno a Striscia e smentire le sue notizie.

Sefano Callegaro ha preso parte al programma rispettando tutti i requisiti richiesti dal regolamento dello stesso. Il regolamento della trasmissione dice infatti: i partecipanti non devono essere cuochi professionisti e non devono lavorare attualmente o aver lavorato in passato per più di 6 mesi continuativamente e a fronte di compensi (in denaro o in natura) con mansioni di cuoco o aiuto cuoco o apprendista cuoco in una cucina professionale presso qualsiasi struttura di ristorazione. È vero che Stefano Callegaro ha frequentato la scuola alberghiera, diplomandosi cuoco e svolgendo due stage nell’ambito dei suoi studi superiori presso un campeggio di Rosolina Mare e il ristorante Checco di Lido di Volano. Questo era noto dall’inizio e NON è in violazione del regolamento di cui sopra. Si ricorda che Stefano si è successivamente laureato in marketing e ha scelto la carriera professionale da consulente immobiliare. Dunque non ha svolto attività professionali remunerate presso ristoranti tenendo l’amore per la cucina solo a livello amatoriale, come richiesto a tutti i concorrenti che in queste quattro stagioni hanno preso parte al programma.

Insomma Magnolia difende Stefano. Basterà per mettere a tacere Striscia la notizia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>