Masterchef, Stefano Callegaro: “In me c’è una buona dose di amarezza”

di Redazione Commenta

Stefano Callegaro è molto amareggiato: il vincitore di MasterChef 4 è praticamente finito nell’ombra dopo gli scandali della scorsa edizione e la denuncia di Striscia la Notizia. 

In pratica Callegaro, accusato di essere un professionista dal tg satirico di Canale 5, e non uno chef amatoriale come prevede invece il regolamento del programma, ha detto la sua su Facebook alla vigilia della finalissima di Masterchef 5 e non ha nascosto la sua delusione per non essere stato neppure menzionato dalla trasmissione che ha vinto lo scorso anno. 

Ci siamo, anche la finale di questa quinta edizione è arrivata. Non farò pronostici nonostante abbia già una mia personale idea. Quest’anno mi ha portato tantissime gioie. Grazie a tutti voi ho trascorso momenti bellissimi, direi indimenticabili, che mi hanno aiutato ogni giorno, spingendomi ad andare avanti sempre e nonostante tutto. Perciò il più grande grazie va a voi. Senza il vostro supporto non sarei mai riuscito a superare la coltre di fango che mi ha travolto e che in alcuni momenti quasi non mi ha fatto respirare. Perché capita anche questo, vinci MasterChef Italia ed è come se non ci fossi mai stato. Come se fossi un fantasma scomodo, che nessuno nomina davanti alle telecamere, né tantomeno invita ad una ipotetica finale. Perché è successo proprio questo. Per questa quinta edizione Stefano Callegaro non è mai esistito. C’è perciò in me una buona dose di amarezza che sarebbe ingiusto nascondervi e tenere soltanto per me. Detto questo… auguro tanta fortuna a tutti e tre i concorrenti, Alida Gotta, Erica Liverani e Lorenzo De Guio, che si stanno per giocare quest’importante momento di vita. E al vincitore/vincitrice, auguro di andare sempre avanti per la propria strada, come ho fatto io, e di non mollare mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>