Michele Bravi: “Non rinnego il talent, ma dovevo ancora trovare la mia identità”

di Sara Bianchessi Commenta

Michele Bravi si gode il successo di I Hate Music, il suo nuovo album e si toglie qualche sassolino dalla scarpa nei confronti di quanti gli avevano detto che era finito.

A pronunciare quelle parole fu la Sony, la sua ex casa discografica provocando in un ragazzo appena diciottenne una comprensibile crisi dalla quale però Michele è uscito più forte di prima.

Il cantante, intervistato da Vanity Fair, non rinnega il suo passato:

Non rinnego il talent: è servito a farmi conoscere ed è stata una bellissima esperienza. È stata la gestione del dopo a essere complessa. Tiziano Ferro ti scrive una canzone, Giorgia vuole duettare con te, io ero lusingato. Ma la verità è che dovevo trovare ancora una mia identità artistica, e nessuno mi ha aiutato. E se il tuo capo ti dice “sei finito, sei morto”, e tu hai 20 anni, è come per un bambino sentire dalla mamma che il suo disegno fa schifo. Ci credi. Ho rimesso in discussione tutto, anche la musica.

A giudicare dai risultati rimettersi in discussione gli ha fatto proprio bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>