Mika ospite a Verissimo: “Fare X Factor è stata una sfida emozionante”

di Redazione Commenta

Mika, reduce dall’avventura a X Factor 7, è stato ospite di Silvia Toffanin a Verissimo, dove ha raccontato la sua esperienza nel talent di Sky Uno, dei colleghi di giuria e della sua vita privata.Il cantante spiega cosa l’ha spinto ad accettare di fare il giudice a X Factor:
Ho accettato perché l’Italia è un Paese fantastico, uno dei pochi in gradi di mantenere la sua identità. Ed è stato uno dei momenti più belli e intensi della mia vita. Ma all’inizio qualche timore c’era: Mi sono riproposto ogni anno di affrontare almeno un paio di cose che mi facciano veramente paura, per dimostrarmi che sto vivendo. E’ stato così anche questa volta, ma è anche stata una delle sfide più grandi che mi sia capitata.
Mika ha parole di grande stima per i suoi colleghi:
Morgan  è come un libro molto complicato, una poesia metafisica: pensi di averla capita, ma ogni volta che la rileggi scopri particolari nuovi. Una persona molto intelligente e simpatica, ma decisamente imprevedibile, come una botta di vita continua. Con lui devi essere sempre pronto a capire al vola la situazione. Per Simona Ventura ho molto rispetto perché è da una vita in tv e non è facile. Qualcuno la critica dicendo che è l’unica non musicista, ma lavora con grandissima passione con i cantanti. Per lei non è solo un talent, un gioco televisivo, lo rende assolutamente credibile. Elio è un maestro, ha un’intelligenza fine e discreta.

Il cantante, nonostante abbia un compagno da sette anni, non intende sposarsi:

Non voglio, almeno non nel modo tradizionale, anche se penso sia importante ottenerlo come protezione davanti alla legge. Tra vent’anni come mi vedo? Magari con dei bambini, di certo sempre al lavoro, perché per me in fondo questo mestiere è un piacere tale che non lo considero un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>