Paola Perego: “La Tribù? Nessun rimpianto. Un reality in Rai? Chissà”

di Redazione Commenta

A pochi giorni dall’inizio del suo impegno tv in Rai, A Casa di Paola, Paola Perego non le manda a dire a nessuno. Dalle pagine del settimanale TvOggi, la conduttrice racconta come è avvenuto il passaggio all’azienda di Viale Mazzini:

Nessun attrito con Mediaset. Il mio passaggio in Rai è stata una scelta artistica: il progretto su cui ci siamo accordati era più interessante. Anche Mediaset mi ha fatto una proposta, economicamente più vantaggiosa ma generica, senza programmi precisi. Questo non toglie che i rapporti con Mediaset, dove ho lavorato benissimo, siano rimasti ottimi.

E sulla cancellazione de La Tribù – Missione India, il reality d’avventura previsto per settembre 2009, e mandato in soffitta prima del tempo, per motivi tecnici non meglio spiegati, rivela:

All’inizio ero un pò dispiaciuta, ma ci sono problemi al di sopra delle mie possibilità. Sono ottimista, ma anche fatalista. Evidentemente era destino. Mi è spiaciuto per quelli che erano già contrattualizzati, sono dovuti restare a casa. Per me, invece, quattro mesi senza lavoro mi hanno permesso di fare cose che nemmeno immaginavo. Ho imparato a lavorare a maglia, ho realizzato tantissime scarpine (non ancora maglioni che sono difficili), seguito corsi di tennis, visto film al cinema e spettacoli teatrali, letto libri accumulati, seguito le partite di mio figlio Riccardo che gioca sabato e domenica.

La Perego si mostra possibilista sull’ipotesi di un reality show a partire da gennaio:

Oltre al mio programma pomeridiano, il mio contratto prevede altri progetti. Uno potrebbe essere anche un reality. O informazione-intrattenimento. Il reality è un genere tv come un altro, la sua riuscita dipende da come viene realizzato, l’idea, il titolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>