Pechino Express 2016, riassunto seconda puntata

di Redazione Commenta

Se vi siete persi la seconda puntata di Pechino Express 2016 niente paura, vi raccontiamo noi cosa è successo durante il consueto appuntamento con il reality di Rai Due, condotto da Costantino Della Gherardesca.

Se vi siete persi la seconda puntata di Pechino Express 2016 niente paura, vi raccontiamo noi cosa è successo durante il consueto appuntamento con il reality di Rai Due, condotto da Costantino Della Gherardesca.

Prima della partenza ogni coppia deve scegliere gli avversari più odiati. I socialisti nominano gli spostati, gli emiliani scelgono gli spostati, per gli li spostati le più odiate sono le naturali. Anche i coniugi eliminerebbero le naturali, che in cambio nominano i coniugi. Anche per gli estranei sono i coniugi i nemici, mentre i contribuenti scelgono gli estranei.

Costantino è vestito da rettile e spiega alla coppia eliminata la scorsa settimana, gli Innamorati, che sono la “coppia dormiente“: restano nascosti dietro una tenda nera e, appena le loro prede si siedono nel loro mezzo di trasporto, possono uscire allo scoperto e immortalare il momento con un selfie, da mostrare a fine missione a Costantino. Quindi incontrano per strada i “contribuenti” che, fino al prossimo passaggio, sono costretti ad indossare delle tute molto ‘selvagge’. Lory spiega ai due amici cosa devono fare: non dire niente agli altri concorrenti. Poi vengono “catturati” i Socialisti.

La prima missione è preparare 3 arepas, delle frittelle di mais giallo, tipiche della Colombia: bisogna comprare mezzo chilo di impasto e trovare qualche colombiano che metta a disposizione la sua casa per preparare questi alimenti. Le prime quattro coppie – gli emiliani, le naturali, gli spostati e gli estranei – riescono a raggiungere il chivas, un pittoresco bus.

Tutti poi devono cantare una canzone tipica colombiana ma Tina dimentica qualche parola. I concorrenti cercano un passaggio in auto. Gli Spostati lo trovano e decidono di andare da soli e non aiutare i Socialisti, costretti a implorare (invano) un cittadino di prestare loro la sua automobile… ma alla fine dormono dentro una caserma della polizia.

I viaggiatori riprendono il cammino verso Jerico per incontrare la famiglia Agudelo. Primi screzi tra Silvia e Marco. Tina si affida alle preghiere alla Madonna per un passaggio. I Contribuenti fermano un camion: l’autista è generoso e dà un posto nel cassone.

Tutti i  concorrenti ricevono un borsello, che va riempito con alcuni oggetti tipici, si può spendere fino a 15mila pesos. Quando hno acquistato otto cose ottengono l’indirizzo con la destinazione finale della puntata.

I Dormienti catturano i Coniugi. E Francesco deve travestirsi da “ciuchino” blu e cantare a cappella Vieni da me, uno dei successi de Le Vibrazioni. E così i due perdono venti minuti del loro tempo.

Gli Spostati vincono l’immunità, un passaggio in auto fino a Medellìn e una notte in un hotel di lusso… ma non possono nominare la coppia che vorrebbero eliminare. Anche i Dormienti raggiungono la tappa intermedia, rientrano in gara e, come tutti, devono cercare casa.

Nel finale le coppie devono riprodurre le opere di Botero e farsi immortalare nella posa tipica modellata dal maestro. La consegna al giudice serve per ricevere le istruzioni per la corsa. Quindi alla biblioteca di Epm tutti devono trovare uno specifico libro contenente due biglietti della teleferica e le istruzioni per tagliare il traguardo.

Classifica con l’ordine d’arrivo: primi i Socialisti davanti agli Estranei, gli Innamorati, gli Emiliani. A rischio eliminazione i Coniugi e Le Naturali. I Socialisti vendicano gli Innamorati eliminando i Coniugi. Salve le Naturali per il dispiacere di Tina… ma non escono neanche i Coniugi visto che la busta riporta la scritta “non eliminati”. Per loro il passeggero misterioso e uno zaino contenente una bambolina woodoo, una boccetta di veleno, un passamontagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>