Sanremo 2013: Antonio Maggio non piace al televoto, a Piovani sì

di Melania Biolchi 1

La gara ormai si è conclusa ma il vincitore di Sanremo giovani, Antonio Maggio ancora si definisce un bambino in un luna park. Forse perché la sua vittoria arriva in maniera un po’ inaspettata: infatti dopo il primo televoto si ritrova solamente terzo sui quattro finalisti. Si è trattato della preferenza della giuria di qualità a consegnare il premio tanto ambito ad un altro ex talent, che viene dalla prima edizione di X Factor, dove vinse nel gruppo degli Aram Quartet.

Lo conferma anche il presidente di tale giuria, Nicola Piovani (nonché premio Oscar) al Corriere della Sera:

Non abbiamo guardato il pedigree dei cantanti. A me lui è piaciuto per la teatralità e per la leggerezza che sono lontane dal profondismo e dal messaggismo che non tutti si possono permettere. La nostra missione non è ribaltare il televoto, ho semplicemente chiesto ai giurati di esprimere il loro gusto senza fare calcoli, senza attaccare qualcuno ma mettendo in luce una bellezza che altri non vedono.

E così è stato, tanto che Renzo Rubino e la sua canzone sull’amore tra due uomini ha avuto la meglio solo per il premio alla critica. Così dopo l’esperienza degli Aram Quartet ora Antonio è pronto per andare avanti con la sua carriera da solista e di certo questa vittoria lo aiuterà, ma per lui venire da un talent non è un peccato originale:

Sono qui grazie alla mia testa dura. Ho sempre desiderato vivere di musica sia che questo significasse esibirmi sul palco dell’Ariston, o nei peggiori bar di Caracas. La musica per me non è fatta di chance, ma un’idea che devi seguire.

Il suo album Nonostante tutto parla degli episodi che accadono attorno a lui e si ispirano ad una musica che va dall’elettropop al cantautorato italiano.

 

Commenti (1)

  1. Ma che titolo ha quest’articolo!!! Al televoto, era anche terzo … ma distante dai primi due del solo 2 %. (I primi 2 al 30% lui al 28% …quindi tutti lì.) Da lì a scrivere che non piaceva a casa, quindi al televoto, ce ne vuole!!!

    Complimenti ad Antonio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>