Simone Rugiati contro Masterchef, Benedetta Parodi e La prova del cuoco

di Elide Messineo 1

In questi ultimi anni i programmi di cucina stanno spopolando: in tv non si parla d’altro che di cibo, di cake design e derivati, tutti si improvvisano grandi esperti, altri lo sono già. Tra questi c’è Simone Rugiati, cuoco dalle aspirazioni televisive che non perdona nessuno dei suoi colleghi.

Simone Rugiati oltre alla sua passione per la cucina, ha anche quella per i reality: ha partecipato a L’isola dei famosi e più di recente a Pechino Express, dove ha mostrato il suo carattere, che non rientra affatto tra i più simpatici e piacevoli che la tv abbia da offrire. Spesso e volentieri Rugiati pecca di presunzione ed è assolutamente convinto di essere il migliore, non si pone alcun problema nel dirlo, tanto da rilasciare un’intervista a Libero in cui spara a zero su tutti.

Dallo storico programma La prova del cuoco di Antonella Clerici (dove peraltro ha lavorato), passando per Benedetta Parodi (di tutti, la più inesperta ai fornelli, lo sa bene pure lei) e Masterchef, programma Sky che sta ottenendo un grande successo anche nella versione italiana. Simone Rugiati invece conduce Cuochi e Fiamme su La7D. Sui giudici di Masterchef ha dichiarato:

Se Cracco è uno degli chef migliori al mondo e Barbieri è un mio amico, Bastianich non sa nemmeno cucinare. Ha tanti ristoranti, è stato bravo. Ma non dite che è uno chef perché mi viene da ridere.

Sulla Parodi:

Spesso i programmi culinari sono affidati a gente che non ha le basi e insegna più che altro a sopravvivere a pranzo e a cena. Se si parla di comunicare la cucina ci vogliono persone che ne sanno. Altrimenti diventa cattiva informazione.

E per concludere, La prova del cuoco:

Spero che un giorno la Rai capisca che un programma di cucina lo deve condurre uno chef.

Provocazioni o invidia? Si tratta di programmi e personaggi che hanno avuto molto più successo di Rugiati. Certo, il suo caratterino non gli è d’aiuto per ottenere l’affetto del pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>