Star Academy, Francesco Facchinetti: “Elencate quali secondo voi sono le cose da risolvere”

di Sebastiano Cascone 3

 Ha difeso, con tutti i mezzi tecnologici a sua disposizione, Star Academy. Ma di fronte ad ascolti imbarazzanti (la prima puntata è stata vista da appena 1.352.000 spettatori con share del 6,41% mentre Sabato Academy si è attestato attorno a 250.000 spettatori, share 2,37%) ed un format che fa acqua da tutte le parti, Francesco Facchinetti si è dovuto arrendere all’evidenza e chiedere aiuto al pubblico sovrano. Sulla sua pagina ufficiale Facebook, il giovane conduttore ha lanciato l’appello:

Elencatemi quali secondo voi sono le cose da risolvere a Star Academy Italia e quali invece vi piacciono tanto. Grazie, condividete a manetta. Ciao.

Ho accolto immediatamente l’invito del Capitano provando ad esporre i cinque punti da cui ripartire per “limitare” i danni di un flop quasi annunciato.

1) Dare maggior spazio ai sedici concorrenti. Visto che il format originale non prevede esibizioni singole, la produzione potrebbe “circoscrivere” i momenti di coralità in salsa Glee per rendere le voci riconoscobili rispetto al mucchio

2) Dare la possibilità ai talenti di farsi conoscere umanamente (per sopperire alla mancanza di provini o filmati che attestano il loro percorso artistico). In un talent show moderno, è importante far scattare quella sorta di immedesimazione da gara (in stile community o forum) tra il pubblico, tanto da invogliarlo a seguire, settimana dopo settimana, le gesta canore dei propri eroi.

3) Commenti più ficcanti e taglienti dei giurati (il paragone con Mara Maionchi, Simona Ventura e Morgan ai tempi di X Factor è inevitabile)

4) Maggior cura dell’acustica per evitare che i ragazzi possano essere penalizzati. Tutti sanno che in 30 secondi di strofa ci si può giocare anche la permanenza nell’accademia.

5) Far prevalare l’aspetto della gara rispetto alle singole esibizioni che risultano troppo spesso confusionarie e finalizzate a se stesse. Scontri tra talenti, sfide miste, classifiche provvisorie, salvataggi, diverse manche potrebbero rivelarsi ottimi espedienti catalizza-pubblico!

Commenti (3)

  1. Non tanto tempo addietro, ho preannunciato telefonicamente alla sede romana dell’Endemol che Star Academy sarebbe stato un flop. Questo perché le scelte fatte sono quelle dei soliti raccomandati e di artisti banali e la conduzione è mediocre. La trasmissione non cerca Star ma “personaggi” di cui fare la mattanza mediatica. La conduzione è mediocre, perché Francesco Facchinetti è artisticamente un mediocre. La RAI continua a buttare i soldi dalla finestra, tanto non sono suoi ma sono quelli del mio abbonamento e di quello degli italiani. Le partecipazioni dei big sono spartite nel giurassico mondo della musica leggera italiana che non lascia spazio a nessuno, se non ai loro figli mediocri ( Facchinetti, Battaglia, Canzian, Morandi, Fornaciari, Celentano, Modugno, Villa, Pani, Carrisi, Dorelli,… ). VERGOGNA.

  2. Un’analisi giusta e realista. Probabilmente per risolvere la Rai chiamerà Pippo Baudo. In Italia non esiste la meritocrazia solo i “figli” vanno avanti . Grazie!

  3. MA IL GARANTE DELLA TELEVISIONE NON HA BLOCCATO L’INGRESSO DELLA 16° CONCORRENTE? COME MAi? Il SUO SFIDANTE E’ STATO PENALIZZATO DAL FATTO CHE NON SI SENTIVA NE’ IL SUO NE’ IL MICROFONO DI MIETTA, HANNO FATTO LA FIGURA DEI PESCI LESSI, POVERINI! MENTRE L’ALTRA RAGAZZA CHE E’ ENTRATA HA CANTATO UN’INTERA CANZONE CON IL MAGICO SUPPORTO DI RON, CI CREDO CHE VIENE VOTATA!!! NON E’ GIUSTO – IO SCRIVO ALLA RAI ED AL GARANTE!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>