The Bastard Sons of Dioniso, un gruppo che non scende a compromessi

di Redazione 2

The Bastard Sons of Dioniso, secondi classificati ad X Factor 2, non sono un gruppo che scende a compromessi: questo è quello che si può capire leggendo le dichiarazioni dei componenti, rilasciate al Corriere della sera.

I ragazzi trentini rivelano:

di aver rifiutato, in sede di provini, la proposta degli autori di cambiare il nome del gruppo che, secondo la produzione era troppo lungo;

di non cantare ai concerti le cover che li hanno resi noti al pubblico (“Quelle canzoni sono come i soldi del monopoli: finito il gioco li rimetti nella scatola, non ci fai la spesa”);

che il loro vero album sarà quello che uscirà in autunno (“L’amor carnale l’abbiamo registrato in 15 ore”);

che non si esibiranno mai in playback, perché far finta di suonare è ridicolo (vedi l’esibizione ai TRL Awards dove si sono presentati sul palco con gli strumenti incelophanati per far capire che erano contrari al playback).

Che dire? Avanti così Bastard: la coerenza paga!

Commenti (2)

  1. Vedere dei ragazzi così appassionati, che amano quello ce fanno e che sanno emozionare alla grande…non ha prezzo! E adesso che ho scoperto che li potrò vedere dal vivo sono ancora più contenta!!! Stavo cercando info per cambiare il cell e ho trovato qst: http://www.playnow-arena.com/xfactor/ … non vedo l’ora!

  2. anche a me piace molto questa attitudine… ho sentito dire che rifiutano il playback e ogni volta che c’è una cosa da dire non hanno peli sulla lingua…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>