The Voice of Italy 2018: Maryam, Andrea, Beatrice e Asia Sagripanti alla finale

di Felice Catozzi Commenta

Al Bano, Cristina Scabbia, J-Ax e Francesco Renga hanno scelto i loro quattro finalisti di The Voice Of Italy 2018: sono Maryam Tancredi, Andrea Butturini, Beatrice Pezzini e Asia Sagripanti.

Siamo giunti alla fine: manca solo una puntata, rigorosamente in diretta, per The Voice Of Italy 2018 in  onda su Rai 2: Costantino Della Gherardesca, dopo aver presentato sei puntate registrate, spetta la conduzione dell’ultimo appuntamento live dove i quattro finalisti -che ricordiamo essere Maryam Tancredi, Andrea Butturini, Beatrice Pezzini e Asia Sagripanti– si contendono il titolo e il contratto con la Universal.

I quattro coach Al Bano, Cristina Scabbia, J-Ax, Francesco Renga hanno deciso su quali talenti puntare per la finale di The Voice Of Italy 2018: dopo le Blind Auditions, i Knock Out e le Battle, sono riusciti a guadagnare la finale Maryam Tancredi, Andrea Butturini, Beatrice Pezzini, Asia Sagripanti.

The Voice Of Italy 2018, il racconto della semifinale

Per il team Al Bano, Raimondo Cataldo è stato sconfitto da Tekemaya alla prima battle mentre Maryam Tancredi ha ricevuto la preferenza del suo coach rispetto a Mara Sottocornola; nel Sing Off, tra le due è stata promossa Maryam.

Per il team Cristina, Elisabetta Eneh ha affrontato e vinto Laura Ciriaco, ma la cantante non riesce a superare Andrea Butturini – che aveva precedentemente battuto Alessandra Machella.

Per il team J-Ax. Antonio Marino è stato preferito ad Andrea Tramacere nella prima battle, Beatrice Pezzini ha primeggiato prima su Riccardo Giacomini e poi al Sing Off su Antonio.

Per il team Francesco, Asia Sagripanti ha superato Marica Fortugno alla prima battle e Mirco Pio Coniglio che aveva sorpassato Deborah Xhako.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>