X Factor 10, Manuel Agnelli: “Non credo nelle gare musicali”

di Fabiana Commenta

X Factor 10 prenderà il via il prossimo 15 Settembre 2016, ma già volano stracci per l’edizione del decennale che si preannuncia all’insegna della polemica.

Manuel Agnelli, fra i nuovi giudici del talent, ha già ricevuto svariate accuse di essersi venduto al sistema avendo accettato la proposta di Sky. Ma lui non si sta e si difende.

Il fatto che mi debba giustificare per X Factor è grottesco. Mettiamola così: prima di tradirlo, io sono stato tradito dal mio mondo e dall’ideale alternative. La scelta di partecipare a X Factor è un segnale forte di rottura che voglio dare al mondo dell’indie. Io l’avevo scelto perché per me voleva dire libertà: non solo di fare la musica che volevo. Quell’ambiente è cambiato radicalmente, è diventato conformista, di più: fascista. Ci sono le tavole della legge: devi comprare quella chitarra, usare quel suono, dire certe cose. L’alternative rock è stato svuotato dei suoi signicati, è diventato moda, così come prima è successo al punk, alla new wave, al grunge. Ormai è solo una schiera di ghetti che vivono con i genitori e hanno scelto un costume, e se tu non lo indossi sei uno sgato. E io ho 50 anni e non ne posso più.

Ha detto intervistato da Vanity Fair. 

Non credo nelle gare musicali, non avrei partecipato al programma, ma accetto di fare il giudice e non ci vedo una contraddizione: io voglio portare la mia visione della musica in quel contesto.

Continua Agnelli che non nega di aver accettato la proposta anche per denaro.

I soldi sono tanti, me li merito, me li tengo e ci faccio quel c… che voglio. Ma voglio dire a chi mi critica che i soldi di X Factor io me li faccio con un tour. È da anni che non ho più bisogno di pagarmi il mutuo. Certo, per quattro lire non l’avrei fatto.

Conclude il cantante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>