X Factor 2 Day time, 15 gennaio 2009: le scelte di Morgan e gli esercizi di Paola Galassi!

di Azzurra Lorenzini Commenta

Oggi nel Day time scopriamo le scelte di Morgan riguardo i brani da assegnare agli Over 25 per la prossima puntata.

Il giudice è sereno, poichè fiero dei risultati ottenuti nella prima puntata dai suoi quattro assi. Il primo chiamato a rapporto è Matteo Becucci. Morgan assegna al cantante I should’ve known better, di Jim Diamond. La sfida, per quanto lo riguarda, sarà scrivere il testo in italiano, che dovrà essere chiaramente coerente con l’originale. Il giudice ammette che ha già l’idea del testo, ma spera che sia Becucci ad arrivare ad una soluzione; nel caso non ci riuscisse, subentrerà il suo ingegno!

Per Elisa Rossi Morgan sceglie, invece, un brano di Nicca Costa delizioso: Out here on my own, cantato dall’interprete appena bambina e risalente agli anni ’80. Morgan ha messo in correlazione il fatto che fosse una bambina a cantare la canzone con la gravidanza di Elisa e, quindi, il bambino che c’è in lei!

Enrico Nordio, secondo Morgan, è stato più sciolto sul palco che nelle prove. Questa volta, il bravissimo cantante si trasformerà in un divo della disco ed interpreterà Don’t leave me this way. Secondo Enrico, l’ostacolo sarà ballare!

Per Noemi Morgan ha scelto Alba chiara, di Vasco Rossi ed il giudice sottolinea il fatto che il cantante sia prima di tutto un cantautore; la scelta del brano segue, infatti, questa direzione. Noemi teme che il rifacimento rock del brano non venga capito dal pubblico e si riveli un boomerang!

Luca Tommasini incontra poi, come di consueto, Morgan per le scelte artistiche relative agli Over. Per quanto riguarda Noemi, Luca ha pensato all’uso di un proiettore che inquadri la cantante vestita di bianco. Enrico avrà, invece, dei ballerini attorno e avrà a disposizione un cilindro ed un bastone. Matteo canterà rivolgendosi ad un mezzo busto di donna, posto a centro palco. Elisa indosserà un vestito nero, leggermente gonfiato sui fianchi.

Luca incontra poi i cantanti in sala prove; li avverte che saranno giudati da un’insegnante di recitazione, Paola Galassi, regista teatrale, chiamata spesso per lavorare su nuovi personaggi.

Paola spiega che sottoporrà i cantanti a degli esercizi, atti a cercare quel qualcosa in più insito in ogni artista ed esprimerlo a meglio sul palco.
Il primo esercizio consiste nel camminare nella stanza senza incrociarsi. Il secondo, nel camminare per la stanza, esprimendo un buongiorno a chi si presenta al proprio cospetto. L’ultimo esercizio della giornata è il più difficoltoso per i cantanti: consiste nell’effettuare una sfilata sexy, di fronte a tutti gli altri. I più imbarazzati appaiono Giacomo Salvietti, i Bastard sons of Dioniso e Matteo Becucci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>