X Factor, Antonio Maggio: “Dopo lo scioglimento degli Aram Quartet vi presento il mio singolo”

di Sara Bianchessi 1

Antonio Maggio vinse la prima edizione di X Factor quando ancora faceva parte degli Aram Quartet. Ora, a qualche anno di distanza da quel trionfo,  fa il suo esordio da solista con il singolo Nonostante tutto e parla dello scioglimento del suo gruppo, dalla sua ex etichetta Sony e dell”esclusione a Sanremo Giovani.Il cantante, in un’intervista a Tgcom24, racconta la decisione presa con gli Aram Quartet di dividere le loro strade:

Agli Aram Quartet è successa una cosa bellissima: hanno vinto X Factor dopo appena cinque mesi dalla loro unione, hanno inciso 2 dischi e fatto tour straordinari in giro per l’Italia. Poi, dopo due anni molto belli e gratificanti, hanno capito però che forse non erano fatti per stare insieme, e hanno deciso di dividere le proprie strade e continuare ognuno il proprio percorso.

Antonio parla di ciò che non l’ha convinto della precedente gestione discografica:

La gestione discografica degli Aram rappresenta secondo me un caso anomalo: partendo dal presupposto che i gruppi vocali in Italia hanno da sempre faticato ad imporsi e quindi non esiste una tradizione, noi siamo stati i primi vincitori di X Factor, abbiamo fatto dunque anche un po’ da cavie, e forse anche la nostra casa discografica aveva le idee poco chiare nel gestire un progetto difficile come il nostro. Forse una cosa che non mi ha convinto è stata la limitazione creativa nel disco di inediti, che contiene poche impronte del nostro estro, nonostante comunque i brani fossero di grandi autori della musica italiana. Sicuramente ciò è dipeso però anche dalla nostra poca esperienza in quel momento: oggi non succederebbe assolutamente una cosa del genere.

Maggio confida che al suo ex mentore, Morgan, non è stato permesso di far parte della produzione:

Dopo la vittoria non gli è stato permesso di far parte dello staff di produzione. Ed è una cosa che personalmente mi ha dato molto fastidio: lui è stato straordinario con noi, ci aveva indirizzato in una strada musicale che durante la trasmissione ci aveva dato moltissima credibilità, e sarebbe stato bello continuare il rapporto anche post-X Factor. Ho una stima artistica di lui grandissima. Anche quest’altra cosa oggi non succederebbe mai: lo staff di produzione lo decide l’artista

Il cantante racconta come nasce il suo singolo, Nonostante tutto:

Nonostante tutto nasce in un pomeriggio a Milano dello scorso anno. Il brano racconta, in chiave ironica e con divertenti giochi di parole, quanto l’amore possa essere ostinato e testardo, a volte anche cieco, soprassedendo quasi su tutto. In realtà, la storia vuole essere un pretesto per mettere a fuoco una seconda chiave di lettura, che poi è anche l’elemento principale del testo, ossia il bisogno di un bel bagno di positività: contestualizzato in questo particolare momento storico che stiamo vivendo, quel “nonostante tutto va tutto bene” vorrei che fosse d’aiuto a tutti noi per stemperare, in minima parte, i problemi e le paure dei giorni nostri.

Antonio parla della sua mancata partecipazione a Sanremo Giovani:

Un po’ male ci sono rimasto, ma com’è normale che sia. Quando si tenta una roba del genere, si spera di farcela, altrimenti che si tenta a fare? Poi abbiamo iniziato a leggere un sacco di critica positiva che ci ha fatto davvero tanto piacere, e quindi non nascondo che abbiamo anche iniziato a crederci un po’. Ma alla fine non è andata, la commissione ha fatto altre scelte.

Dagli errori si impara sempre qualcosa. Auguri ad Antonio per il suo nuovo percorso.

Commenti (1)

  1. Avranno vinto X Factor ma hanno venduto pochissimo! La unica vera rivelazione in termini di vendita discografica e popolarità resta Giusy Ferreri !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>