X Factor casting 2009, l’esperienza di Federico Spano de La nuova Sardegna

di Redazione 13

Il collega Federico Spano de La nuova Sardegna ha scritto un’interessante articolo sulla sua esperienza ai casting di X Factor, tutt’altro che felice: il trentacinquenne giornalista sassarese racconta che l’idea di partecipare gli è venuta vedendo Matteo Becucci vincere la seconda edizione del talent show.

Dopo essersi prenotato e aver ricevuto dalla redazione di X Factor la telefonata che lo avvisava di doversi recare il 6 giugno a Ostia (dove sono stati visionat, con una foto, due brani (uno in italiano e uno in inglese), senza basi, ha iniziato la sua avventura:

Sono le 9.30, nascosto da un palco e dai due grandi tendoni del Casting Tour c’è quello che ha tutta l’aria di un fiume di persone. Il secondo giorno di provini è la replica del primo, venerdì: mille in fila per dimostrare il loro talento a Mara Maionchi e a Morgan. Il primo scoglio da superare, però, è capire dove inizi la coda in quella fiumana di gente che aspetta. Appena arrivi ti assegnano un numero: io sono il 1951, mentre penso già di giocarmeli al lotto mi danno un foglio da compilare. Nome, cognome, età, due aggettivi per descrivere il tuo carattere e la tua vita. Niente di più riduttivo. Nell’imbarazzo, accanto a decine di persone nella mia stessa fetta di coda in attesa di mostrare l’X Factor, azzardo due aggettivi: «curioso» e «ricca».

LA PRIMA DELUSIONE

Chiamano il mio numero e mi fanno superare una transenna. Dopo quattro ore al freddo arrivo di fronte all’ultimo ostacolo. A pochi metri dal traguardo e dai provini, si diffonde una voce che rende tutto meno affascinante: «Morgan e Mara Maionchi non ci sono. I provini si fanno davanti a musicisti della Rai, non ci sono neppure le telecamere»

IL PROVINO

Supero l’ultima barriera e mi ritrovo di nuovo in fila, davanti a uno degli otto videobox (di video c’è ben poco, perché non ci sono telecamere). Dopo un’altra mezz’ora è il mio turno. Entro nella «scatola» insonorizzata, e ad accogliermi c’è un perfetto sconosciuto. «Ciao Federico, che brani hai portato?». «Your House di Alanis Morissette e Pensieri e Parole di Battisti», rispondo in attesa di qualche domanda su di me, che però non arriva. «Quando vuoi iniziare…», fa lui e io parto subito con il brano in inglese. La voce non è al meglio, dopo quattro ore all’aperto, ma me la cavo. Per Battisti ho bisogno di un «la», chiedo il permesso di usare il cellulare: «L’ho registrato prima, mi serve per partire con la tonalità giusta». Ma il telefonino si impalla, giusto per confermare una delle leggi di Murphy. Dopo qualche secondo di panico, inizio lo stesso, con o senza il «la». «Che ne sai di un bambino che rubava…». Finisco il ritornello, con la voce che viene fuori pulita e potente, proprio come speravo, «magari mi prendono davvero», ma lo sconosciuto mi guarda e mi dice: «Grazie Federico. Ciao».

IL VERDETTO

Nessuno sa se è stato preso oppure no. Hanno detto che chiameranno.

E’ successo anche a voi così?

Commenti (13)

  1. Vorrei riuscire a leggere il commento all’articolo di Federico Spano.. ma come si fa? Sono da circa 1 ora a fare “avanti ed indietro” sul sito, ma non riesco a leggerlo.
    Help me.

  2. @ Ester:
    L’avranno spostato. Non era un commento, ma l’articolo integrale da cui ho tratto alcuni brani.

  3. Ma come si può sperare in queste buffonate…la musica non è questa spazzatura televisiva.Chi ama la musica e perchè vive di essa, tutto l’altro e solo immagine.

  4. Ieri ho fatto il casting a Riccione e leggere l’articolo di Federico Spano è stato come rivivere la mia esperienza. Ci sono andata per togliermi lo sfizio, avevo già letto diversi commenti abbastanza avvilenti su questi provini ma pensavo che forse c’era la possibilità che in parte fossero onesti. Invece non mi è stato fatto fatto nemmeno un vero e proprio provino visto che la signora nel box mi ha interrotto subito come se avesse semplicemente dovuto sbrigare una formalità. Aggiungo che sono un soprano lirico e ho studiato con due professionisti, quindi non ho problemi di voce e di intonazione. E’ vero che ho 34 anni, ma se x factor è un talent che non ha limiti di età non dovrebbe essere un problema, perlomeno avrei dovuto essere presa in considerazione poi magari scartata per altri parametri. Inoltre mentre ero in fila ho sentito storie che si ritrovano anche sui vari forum e confermano che i casting sono una pagliacciata. Un’ultima considerazione…a fare i casting non c’era praticamente nessuno e ho letto 5 minuti fa che i 12 sono già stati decisi. Spero che non ci vada più nessuno a farsi prendere in giro!

  5. @ kiky:
    I casting hanno il loro valore, ma le prime selezioni non sono come uno se le aspetta. I dodici cantanti sono già stati scelti, ma Giusy e Juri sono la dimostrazione che anche entrando in un secondo momento si può arrivare lontani.
    Mi interessa molto, invece, la tua esperienza. Da quanto ho capito sei rimasta delusa.

  6. @ Diego Odello:
    Ciao Diego, ho fatto un po’ di ricerche su internet per saperne di più di x factor e ora mi si è chiarita la situazione, l’ho fatto perchè amo molto il canto e ho seguito l’ultima edizione con grande passione pensando che finalmente c’era un programma che valeva la pena seguire. Ti racconto la mia esperienza con x factor: quando è iniziato il 2 Facchinetti diceva di chiamare perché c’erano altri provini per entrare dopo in trasmissione, io ho telefonato ma nessuno mi ha contattato; richiamo per il 3, passa l’estate e nessuno mi chiama, intanto vedo sul sito ufficiale che si susseguono le date in giro per l’Italia. Finalmente mi chiamano il 26 agosto per fare il provino il 28 a Riccione, io già avevo letto cose poco carine sui provini ma, visto che ci sono parecchie persone troppo convinte, ho pensato che magari esageravano. Vado a Riccione e trovo 2 gatti a fare la fila (persone che come me non sapevano…) che mi raccontano di aver visto, ad altri provini, persone palesemente segnalate che arrivavano per ultime e passavano davanti a ragazzi che stavano in fila da 5-6 ore. Mi mandano davanti al box, quelli che escono prima di me hanno facce deluse e stanno dentro pochissimo, anche io faccio il provino e ti assicuro che la tipa aveva solo voglia tirare via, mi ha interrotto mentre avevo da poco iniziato a cantare con un “grazie, ciao”. Il giorno dopo leggo che la rai ha fatto sapere che i 12 sono stati scelti, specificando età e tipo di gruppi. Il bootcamp e stato fatto a luglio. Ora, se permetti, anche se uno non ha aspettative, questa cosa mi infastidisce parecchio (ho speso soldi e tempo), tra l’altro uno potrebbe giustamente averne di aspettative. Sul sito ufficiale si sono ben guardati di dire la verità, anzi dicono “continuano i casting”. E’ una buffonata inaccettabile chiamare una persona a fare il casting dopo che i giochi sono fatti, una che aveva lasciato il numero quando ancora dovevano iniziare. Il concetto di questi programmi dovrebbe essere di dare una possibilità a tutti, altrimenti e come il sommo festival che funziona in modo noto a tutti. Sono però contenta ci sia internet perché la verità si sta diffondendo. Vai a questo link: http://xfactor.reality.forumcommunity.net/?t=29457372&st=180, leggi il post di “redazione_bn_rm”, potrebbe inventarsi tutto, ma spiega molte cose, anche una frase che un giorno è scappata ai Bastards su un amico che li ha mandati ai provini…

  7. @ kiky:
    ciao kiky , anche io come te sono rimasta abbastanza maluccio . Forse ci siamo incrocate perchè io ho fatto il provino a riccione sabato 29 agosto , ho preso il numero la mattina e mi hanno provinato nel pomeriggio . ho fatto la fila e intanto vedevo intoro a me ragazze che avevano fatto le foto da superstar e io avevo una fotina da quattro soldi …. alcuni venivano fermati e passavano nella stanzetta G non so per fre cosa …….. ta quelli fermatic’erano anche dei soggetti che cantavano come cornacche strozzate …………e allora mi sono detta : ma dai magari almeno un provino a te lo fanno passare, hai una bella voce , uno scalino te lo fanno passare ……… mi sono fatta forza ed è toccato a me , sono entrata nella stanzetta c e ho trovato un ragazzo della mia età lui mi ha esaminato , mi ha fatto cantare due canzoni e poi mi ha liquidato con un : grazie puoi andare ti richiamiam noi …….. da li non ho capito piu nulla , chi dceva che il No lo avrebbero detto seduta stante , chi diceva che venivano presi solo quelli fermati ……..insomma un caos ……….. direi non male per un primo provino no?? Avrei preferito un bel : no signorina si ritiri

  8. @ lillyna:
    Io ci sono andata venerdì, sabato c’era un mio amico, che ha una gran voce, e l’hanno fatto fatto passare nella famosa seconda stanza, ma pure lui non ci spera molto. A me la signora che mi ha fatto il provino non ha detto niente, solo grazie e ciao. Siccome, ripeto, so come canto e non mi devo inventare niente, anche io pensavo che almeno alla seconda fase ci arrivavo invece di essere liquidata così come una mezza calzetta. Ma il punto fondamentele è che questi continuano a fare il casting tour anche se l’organico è deciso da un mese e mezzo, e questa è una scorrettezza. Ho visto su facebook i post di persone inferocite e anche io ho deciso di fare una lettera all’associazione consumatori e a qualche giornalista. Potevano fare certi giochetti senza prendere per i fondelli la gente perbene.

  9. @ kiky:
    ciao kiky ….. non sono una montata o esaltata ma come te conosco le mie doti canore …….non pensavo di poter far tanto schifo da non passare nemmeno un provino …….. non volevo arrivare alla trasmissione ma poterne fare un altro sarebbe servito tanto ……….invece sono stata liquidata con un grazie ti richiamiamo noi ……. ma come mai non mi hanno detto no subito??? che cosa costava???Almeno il tuo amico è passsato nell’altra stanza , quindi un passetto lo ha fatto ……..

  10. @ lillyna:
    ciao Lillyna, ti dico una cosa: il problema non è tuo. Per il fatto che non dicono di no subito penso sia una politica loro, forse per lasciarsi ogni porta aperta o evitare polemiche, da quel che so non hanno detto no a nessuno. Il mio amico è bravissimo ma è anche vero che che lui ha scritto sulla scheda del suo contratto discografico con una piccola etichetta locale. Ti faccio una grande “in bocca al lupo” 😉

  11. 🙂 ….. sulla mia scheda non c’era scritto proprio nulla , era praticamente vuota … non ho mai fatto niente .. l’unica volta che ero arrivata vicina ad una casa discografica mamma si è imposta per non farmi andare , avevo 17 anni . Cmq adesso la vivo meglio la mia esperienza ai provini , amen se non sono piaciuta … quando capita che canto ai karaoke dopo la gente mi si avvicina come se fossi una star quindi proprio da buttare non sono 🙂 ……… bè se i giochi erano già stati fatti tanto meglio non è colpa mia …almeno adesso per quello che mi hai detto tu e anche riflettendo un po non chiameranno mai ..uno si mette l’anima in pace … in bocca al lupo a te e a tutti quelli che ci hanno provato

  12. Ragazzi che avete fatto la nostra esperienza di provino farsa (soprattutto ci l’ha fatto dopo metà luglio quando era tutto deciso), scrivete a Striscia, io l’ho fatto perché non ci può essere assuefazione a queste cose. Spargete la voce!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>