X Factor, Kymera: “Enrico Ruggeri ha saputo annusare il nostro potenziale”

di Sara Bianchessi Commenta

 Nell’ultima edizione di X Factor, prima dell’addio della popolare a Raidue e il conseguente trasloco a Sky, tra i concorrenti che si sono messi particolarmente in luce ci sono senza dubbio i Kymera. Il duo composto da Davide Dugros e Simone Giglio, nei primi mesi del 2011, ha ripubblicato, per il mercato italiano, un album di inediti intitolato Argento e Nuvole,  undici brani relativi alle origini della loro attività artistica e, subito dopo la partecipazione al programma di Raidue, è uscito Atlantide con 6 canzoni.Il gruppo confida a Fattitaliani.it  ciò che maggiormente li contraddistingue:

Fino a oggi abbiamo mantenuto il nostro modo di esprimere le nostre voci all’unisono: i nostri due timbri vocali sono molto differenti tra loro ma si amalgamano perfettamente come fossero una sola voce. Questa è la caratteristica che ci contraddistingue e che ci ha mostrati al pubblico di X Factor.

Davide e Simone rivelano le mete che si prefiggono:

Sembra un luogo comune ma le mete sono quotidiane e continuative. La vita ci pone di fronte continui ostacoli e occorre capire quali e soprattutto dove poter trovare le forze per sormontare ogni barriera. Crediamo che ogni obiettivo sia perseguibile con tenacia, pazienza e grande positività.Noi cerchiamo di trasmettere questo concetto con la nostra musica.

I Kimera parlano dell’ottimo rapporto con Enrico Ruggeri, loro mentore a X Factor:

Enrico ha saputo ascoltare, guardare per annusare il nostro potenziale. Poi non ha fatto che contaminarci con la sua esperienza. È stato questo a creare le basi di un ottimo rapporto di lavoro. Quando c’è stima, rispetto e collaborazione l’amicizia attecchisce su solide basi.

Siamo sicuri che sentiremo parlare a lungo di loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>