XFactor 6, la conferenza stampa live

di Giulio Pasqui 1

In attesa della doppia finalissima di XFactor 6, questa mattina presso il Teatro della Luna si è svolta la conferenza stampa. Presenti di fronte ai giornalisti Alessandro Cattelan, i giudici al gran completo e i quattro finalisti: Cixi, Chiara, Ics e Davide.

12.04 – Inizia la conferenza stampa del “programma più interattivo” dell’anno: XFactor. Parte un video celebrativo che racchiude tutti i successi della stagione.

Andrea Scrosati, presentato come il direttore più social della tv, parla della differenza fra la generalista e la paytv: “Le persone che ci guardano pagano e spero che il prodotto piaccia a loro. Lo scorso anno il successo ci ha colto di sorpresa”.

Nills: “Il livello della gara è stato molto alto. È stato molto duro per i giudici ed i concorrenti e sarà ancora più duro nelle due finalissime”.

Il successo è spiegato da Scorsati: “Nulla è lasciato al caso. Tutta la squadra lavora intensamente per tutto l’anno. Ad XFactor lavorano solo professionisti: non so con chi sono fidanzati o chi votano, so solo che sono bravi. Può apparire tutto scontato, ma non è così”.

Paolo Mieli, direttore di FreeMantle: “Rispetto allo scorso anno c’è stato un passo avanti. Ho ricevuto un feedback realmente diverso dallo scorso anno. Quest’anno ognuno di noi ha percepito un ritorno impressionante e questo ci spinge ad andare avanti, non bisogna fermarci”.

“La doppia finale è una grande novità per noi, anche se per altri paesi è una consuetudine”.

La parola passa alla finalista Chiara, la vincitrice annunciata: “So che Mina si è occupata di me. È bello sapere solo che mi ha ascoltato”. “Ho sempre sognato di fare la cantante, ma credevo di non rientrare fra i primi dodici concorrenti”. “Spero che il titolo di vincitrice annunciata non mi porti sfortuna (ride, ndr)”. Chiara non si ispira a nessuna cantante italiana, ma le sue cantante di riferimento sono le irlandesi.

Cixi, l’outsider: “Sono soddisfatta del risultato perché ho iniziato a casa mia e sono arrivata sul palco di XFactor. Speriamo bene”.

Davide, l’altro finalista: “Ormai che siamo qua ce la metto tutta per vincere. Quando somo finito al ballottaggio ero incazzato perché non volevo uscire, ma ho solo pensato di divertirmi e tirare fuori le emozioni che avevo dentro. Simona mi ha detto di crederci sempre e di non mollare”.

Ics, il primo rapper della storia di XFactor: “Il mio percorso è essere Ics, non voglio essere qualcun altro. Ho avuto molta autostima di me (anche di prima mattina) e ho sempre voluto arrivare piu avanti possibile. E adesso siamo qua”.

Nills parla del televoto: “Non possiamo dare per scontato nulla, può vincere chiunque. Apriremo un maraton-voto ed il pubblico potrà votare per 24 ore portando a 10 il numero di volte per votare“.

I finalisti vengono congedati per farli andare a provare e la parola passa al conduttore Alessandro Cattelan: “È stato un XFactor coinvolgente. Quest’anno i ragazzi lottano con le unghie per arrivare al proprio obiettivo. Hanno tutti una grandissima motivazione che dà tanto durante la gara. Sono quattro ragazzi che meritano la finale e penso che siamo riusciti addirittura a superare il livello qualitativo dello scorso anno”.

Elio: “Sono molto stanco, ma è una stanchezza bella. Sento la gente per strada che parla di XFactor ma non mi riconosce per strada. Questo è il successo che non avevo mai toccato e che tocco adesso”.

Ventura: “Quest’anno il programma è percepito come un programma da tv generalista. È stato faticoso dire i no dire alle troppe persone che chiedevano biglietti, ma questo è l’XFactor che sognavo di fare. I finalisti sono la rappresentanza dei ragazzi per bene, di cui l’Italia è piena e fanno meno rumore dei cattivi esempi”.

Morgan: “È stato un XFactor soddisfacente, partito all’insegna della musica e così è stato. Non ha disatteso le aspettative. Il successo non è dettato dalle immagini, ma il successo vero è per la musica. La gente non vede l’ora di vedere XFactor per sentire buona musica: si può fare cultura in tv e la musica è cultura“.

Arisa: “Il mio percorso ad XFactor è stato più breve degli altri, è stata un’esperienza intensa. Quest’anno ho trovato talenti coi quali ho sperimentato un repertorio che mi interessa e ho trovato persone che mi hanno coinvolta emotivamente, che si sono fatte amare. Ci sono stati momenti di tensione, ma questo fa parte del coinvolgimento e della passione”.

Luca Tommassini parla dell’atmosfera che si respirerà nella doppia finale: “Sono felice di essere sotto il logo SKY, è una tv che ci fa sognare. La doppia finale è una doppia tortura per il grande lavoro, siamo molto stanchi ma sono affezionato ai giudici e ai cantanti… Abbiamo grandi aspettative, anche Eros Ramazzotti si concederá in modo coinvolgente. Succederanno cose spettacolari”.

Il presidente di SonyMusic, distributore degli inediti dei finalisti: “Il nostro XFactor inizia sabato mattina quando usciranno i singoli e con la controprova del mercsto. Il successo non arriva solo a chi vince, ma anche a chi non vince e a chi è stato già eliminato, come è successo a Noemi. Vogliamo identificare il percorso artistico vero da seguire con voi”.

Ma qual è il futuro di XFactor? Andrea Scrosati: “XFactor si farà, stiamo “negoziando” con il detentore del formato. Abbiamo intenzione di proseguire nel futuro. Nella prossima edizione ci saranno innovazioni, anche per quanto riguarda il cast“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>