Amici 10, martedì 26 ottobre 2010: Paolo Cervellera è il nuovo titolare di Amici, Giuseppe torna tra gli aspiranti

di Redazione Commenta

La puntata inizia con Luca Zanforlin che chiama al centro dello studio, l’aspirante Giuseppe, cantante sostenuto da Grazia De Michele e anche da Rudy Zerbi e Maria Grazia Fontana.

La De Michele sostiene che Giuseppe abbia una grande potenza vocale, un pathos straordinario ma anche una sensibilità notevole. Dado Parisini, invece, pensa che la potenza vocale di Giuseppe, a volte, sia un difetto, perchè dà molta incertezza sull’intonazione. Luca Jurman, invece, confessa semplicemente che, tra gli aspiranti, trova ragazzi più meritevoli di Giuseppe.

Il primo brano in cui Giuseppe si esibisce è You raise me up di Josh Groban. A fine canzone, Grazia De Michele afferma che quando Giuseppe ha cantato la canzone in studio, le è venuto un groppo in gola dall’emozione. La seconda canzone è Solo 3 minuti dei Negramaro mentre la commissione esterna ha, invece, scelto Mille giorni di te e di me di Claudio Baglioni.

La verifica è terminata e, per diventare titolare, a Giuseppe, servono i sì dei giornalisti, dei discografici e di Peppe Vessicchio. In caso di maggioranza di sì, la commissione si riunirà per prendere una decisione comune. I giornalisti decidono per il mentre i discografici sono più titubanti, come ad esempio, Daniele Menci della Sony, che trova l’interpretazione di Giuseppe, eccessiva. Peppe Vessicchio, però, dice no, perchè trova che alcuni difetti di Giuseppe, come le vocali larghe e le spinte eccessive, lo penalizzino.

Grazia De Michele ammette che, su questi difetti, ci sta lavorando ma Peppe Vessicchio è irremovibile. La giuria si ritira, così, per prendere la decisione finale.

Il secondo aspirante è, invece, il ballerino Paolo, sostenuto da Luciano Cannito, Garrison e Carl Portal. Garrison descrive Paolo come un ottimo ballerino con una qualità di movimento molto profonda, al dì la di alcune mancanze dal punto di vista fisico. Cannito e Portal sostengono che Paolo abbia una buona fluidità e dinamicità. La Celentano, invece, afferma che Paolo non va incontro al suo gusto artistico personale ma, solo per questo, non si opporrebbe a un suo eventuale ingresso nella scuola.

La prima prova è un passo a tre di Garrison che, dopo l’esibizione, consiglia al ragazzo di stare più tranquillo, sottolineando l’ottima base tecnica del ballerino. La seconda prova è un assolo della Celentano. Al termine dell’esibizione, la commissione esterna trova che due prove siano sufficienti per la decisione.

Paolo viene chiamato al centro per la decisione finale. Anna Prina decide per il sì. Anche Renato Salas di El Pais dice sì a patto che il ragazzo dimagrisca almeno 3 chili e si rinforzi le spalle. Il sì di Gonzalo Garcia del New York City Ballet, trasforma Paolo, da aspirante a nuovo titolare di Amici.

E’ arrivata anche la decisione per Giuseppe, l’aspirante cantante. Paolo Giordano de Il Giornale, ammette che non c’è ancora chiarezza nella Commissione, quindi Giuseppe è “congelato” e se ne torna tra gli aspiranti.

Finiti gli esami degli aspiranti, intanto, si vede Giulia che piange:

Non mi piaccio, vorrei essere più sicura di me. Mi sento frustrata.

Giulia, consolata da Michelle, ammette che non riesce a lasciarsi andare per via dell’insicurezza.

La ballerina, successivamente, chiede ad Anbeta, se, quando è stata allieva della scuola, abbia mai avuto delle crisi. Anbeta le risponde che è normale essere in crisi, quando si è sempre sotto giudizio.

Il problema di Giulia è che non ha trovato ancora una sua direzione. Facendo moderno e classico insieme, Giulia sente di non aver trovato una sua identità.

Alessandra Celentano, vedendola piangere, la chiama per infonderle coraggio: la rassicura dicendole che ha un bel movimento e la sprona a migliorare i suoi difetti. Giulia ringrazia l’insegnante.

La puntata termina con Virginio che canta in sala relax, accompagnato alla chitarra da Stefan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>