Amici 11, daytime 19 dicembre 2011: Nunzio e la coreografia di Alessandra Celentano

di Fabio Morasca 2

La puntata di Amici di oggi inizia con Maria De Filippi che, durante lo speciale di sabato, inizia a parlare del passo a due di Alessandra Celentano a tutte e 3 le squadre. Dopo l’esibizione di Amilcar e Anbeta, la Celentano precisa che è stato Garrison ad assegnare questa coreografia anche alla squadra verde. L’insegnante descrive anche le difficoltà di questo passo a due e afferma che Francesca della squadra blu è perfettamente in grado di farlo ma che non può dire lo stesso riguardo Nunzio e Daniele della squadra verde.

Successivamente, la Celentano, durante la coreografia eseguita da Jose e Anbeta, spiega i punti precisi della coreografia nei quali Nunzio e Daniele avrebbero avuto serie difficoltà. Il problema riguarda soprattutto le linee e l’altezza dei due ballerini verdi. La Celentano parla di difficoltà oggettive ma anche di una coreografia brutta da vedere se eseguita da Nunzio e Daniele.

Rivediamo, in un rvm, il rifiuto di Nunzio di eseguire questa coreografia. Poco dopo, in studio, Nunzio conferma che il problema riguarda esclusivamente l’altezza della partner e non la coreografia in sè. Garrison rimprovera la Celentano di aver assegnato Anbeta a Nunzio. Alessandra replica che l’insegnante avrebbe dovuto prima chiedere una ballerina adatta a Nunzio e poi chiedere la coreografia. Secondo la Celentano, Garrison non è cosciente dei limiti dei suoi ballerini.

Garrison, inoltre, chiede ad Alessandra Celentano perché, per montare le sue coreografia, non abbia mai utilizzato Martina Nadalini, Eleonora Scopelliti e Stefano De Martino. Alessandra, infastidita dalla conversazione, minaccia addirittura di andarsene. Garrison ribadisce che avrebbe voluto per Nunzio, una ballerina più adatta a lui. Anche Anbeta, comunque, rimprovera a Garrison di non usare mai lei per i suoi balli latini.

Alessandra afferma che è stato Garrison il primo a mettere in difficoltà Nunzio e non lei.

Garrison, inoltre, chiede ai ballerini professionisti, un’opinione su Nunzio. La De Filippi non apprezza questa specie di processo anche perché, ponendo l’esempio di Stefano De Martino, nella scuola un allievo deve fare tutto.

Nunzio prende la parola e va contro il suo insegnante. Maria De Filippi, provocatoriamente, chiede a Garrison se avrebbe il coraggio di mandare in sfida Nunzio con questa coreografia visto che afferma che Nunzio sarebbe il più bravo a farla. Garrison non si prende questa responsabilità. Così, Maria De Filippi ammette l’inutilità di questa conversazione e non vuole trascorrere una stagione televisiva intera a parlare dell’altezza di Nunzio.

In poche parole, Alessandra e Maria vogliono che Garrison si renda conto dei limiti di Nunzio.

Maria De Filippi va incontro a Nunzio, decidendo di cercare una ballerina adatta a lui. Successivamente, Maria promette di invitare 10 critici importanti della danza per emettere un giudizio definitivo su Nunzio e chiudere il discorso una volta per tutte.

Anche Jose parla di un’ipotetica sfida con Nunzio, giudicandola senza senso.

Commenti (2)

  1. Maria ha fatto bene a mettere fine a questi contrasti di “aria fritta”. Devo dire che forse è proprio Garrison, con i suoi adorati Puffi a far perdere sempre la squadra verde. Infatti questo sabato, in cui si sono fatte più sfide di ballo, la squadra è crollata, quando invece ha un parco cantanti più discreto di altri.
    Allora Garrison, con le sue paranoie fa perdere la squadra gialla e l a De Micheli, con le sue insistenti e pressanti rotture di svatole fa vincere la squadra blu. La situazione è “in stallo” con questi 2 vecchi dinosauri. Quando sostituiranno Veronica e Sergio????? Adesso ci sono 12 cantanti e 7 ballerini……troppo squilibrato.

  2. Scusate il lapsus; Garrison fa perdere la squadra verde e non gialla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>