Amici 11, daytime 3 febbraio 2012: polemiche Gerardo – Marco e Claudia – Francesca M.

di Redazione 1

Il daytime di Amici di oggi inizia con Gerardo. Dopo aver trasgredito ulteriormente il regolamento (il cantante ha lasciato la scuola prima del termine dell’orario delle lezioni perché insofferente dei discorsi dei suoi compagni in sala relax), oggi si attende la decisione dei docenti sul suo proseguo nella scuola. Grazia Di Michele ha esplicitamente affermato che Amici non è il posto adatto per Gerardo. Quest’ultimo si dichiara pentito dell’ultimo gesto che ha fatto e ribadisce che Amici è il posto giusto per poter dire le proprie cose.

Grazia riprende la parola: secondo l’insegnante, Amici, come qualunque scuola, ha un regolamento che va rispettato. Gerardo, però, nega di essersi mai ribellato alle regole. La Di Michele non è assolutamente d’accordo e ritornano alla luce vecchie questioni riguardante il cantante blu.

Arriva il momento delle decisioni finali: Grazia Di Michele chiede l’espulsione. Gerardo si sente imbavagliato e replica:

Questo perché ho delle idee e degli ideali.

Grazia Di Michele afferma che Gerardo non sta utilizzando la scuola per il suo bene. Poco dopo, Marco prende la parola e afferma che Gerardo vuole che si parli della sua musica però si parla sempre delle sue trasgressioni. Rudy Zerbi, invece, afferma che la visibilità si ottiene grazie alle proprie capacità e comunica a Marco di non aver gradito il suo invito agli altri a non parlare di Gerardo. Marco replica che non voleva dargli attenzione, non per una questione di vanità, ma per non dare peso ad una mancanza di rispetto da parte di Gerardo.

Gerardo risponde che Marco non difende gli ideali musicali e lamenta che nella scuola, gli allievi si sgambettano, facendo un esempio ben preciso sempre su Marco. I due si scambiano reciproche e disparate accuse, sempre sul discorso della visibilità. Grazia Di Michele è incredula. Marco e Gerardo si avvicinano anche pericolosamente con Luca Zanforlin che si avvicina per evitare una rissa.

Carlo, invece, afferma che Gerardo sta portando avanti una cosa che non appartiene alla sua persona. Inoltre, il cantante giallo dichiara che chi non vuole visibilità non viene ad Amici per rotolarsi a terra sul pavimento e far finta di svenire. Mara Maionchi, però, replica che anche Carlo ha voglia di visibilità, per esempio sedendosi sul banco di Rudy Zerbi e accarezzandogli la testa, com’è successo sabato scorso. Carlo non ci sta al paragone.

Successivamente, Mara Maionchi afferma che stima Gerardo artisticamente e che lo vuole nella scuola. La decisione della commissione arriverà domani.

Nel frattempo, Francesca M. non riesce a stare in sala prove con Claudia e decide di uscire e isolarsi con le cuffie. La raggiunge Fabrizio Ferraguzzo che la invita a tornare in sala ma la ragazza manifesta il suo malessere e gli dice di non riuscire a rientrare.

Ferraguzzo non capisce la situazione e chiede spiegazioni a Claudia. Quest’ultima non si crea il problema anche se successivamente ammette il fastidio di questi comportamenti infantili. Fabrizio non vuole problemi durante il lavoro e si lamenta di questa situazione.

Francesca ammette che Claudia ha cambiato idea su di lei nel giro di pochi secondi e che questa cosa l’ha fatta stare male. Claudia ritiene questi discorsi inutili e infantili.

Gerardo, intanto, senza la tuta blu, prosegue la preparazione in attesa della decisione. In sala relax, intorno a lui, l’indifferenza.

Commenti (1)

  1. la sfida di gerardo è stata una buffonata, perchè non hanno scelto un vero cantante……gerardo deve andare fuori per la sua ineducazione e per la sua presunzione.la maionchi se lo porti nella sua casa discografica ma lo faccia uscire dalla scuola dove i ragazzi vanno per studiare e migliorare …lo fanno passare per vittima e gli faranno vincere il programma……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>