Amici 11, sabato 28 gennaio 2012 live: vincono i blu, verdi nuovamente ultimi. Garrison a Josè: “Sembravi un pagliaccio”

di Redazione Commenta

Tra qualche minuto, alle ore 14.10, inizierà su Canale 5 una nuova puntata in diretta di Amici di Maria De Filippi. In questa sede il ribelle Gerardo Pulli dovrebbe sostenere la sua sfida contro un cantante esterno. Inoltre, come sempre, è prevista la sfida tra le tre squadre. Infine, indossano la maglietta rossa anche la cantante Valeria Romitelli e il ballerino Ilario Frigione della squadra verde. Mondoreality seguirà in diretta la puntata. Leggete e commentate.

14.13 Inizia la puntata. Si parte con la sfida a squadre. Ma prima la pubblicità (nelle ultime puntate questa anteprima era stata eliminata, preferendo un blocco unico fino alle 14.50 circa.)

14.19 Ottavio contro Gerardo. Maria però perde qualche minuto (prezioso) per far spostare due signore del pubblico da una zona ad un’altra. Perché? Mha. In ogni caso il cantante giallo esegue Ti scatterò una foto.

14.22 Zerbi vergognoso, interrompe l’allievo di Grazia Di Michele. Secondo l’ex discografico la versione è da sagra. La canzone di Ferro è stata scelta dalla Di Michele stessa, che difende la decisione. Sinceramente l’intepretazione del crooner è stata molto accettabile.

14.25 La leva calcistica del ’68 è il brano che canta Gerardo. Il giovane se la cava altrettanto bene. E la notizia è che la Di Michele non interrompe l’esibizione.

14.28 La Maionchi apprezza, la collega della squadra gialla invece fa un appunto:

Non puoi fare tutte le canzoni come Vasco Rossi.

14.30 Giuseppe contro Nunzio: cavalli di battaglia. Prima però si parte da un filmato. In esso appare prima Josè, secondo il quale non c’è un ballerino; poi Nunzio il quale ritiene che Giuseppe “non è niente”. Il ballerino della squadra verde sbotta mentre Garrison e Cannito parlano.

14.34 Nunzio chiede scusa a Cannito per averlo definito vecchio (“fa le stesse cose da dieci anni”): Cannito commenta a denti stretti:

Voi siete giovane, ma siete vecchi.

Poi Giuseppe balla. Bravo, ma sempre uguale a se stesso.

14.36 Per Cannito il ballerino è una “forza della natura”.

14.38 Poi tocca a Nunzio. Il danzatore prova a colpire con una coreografia particolare, variegata negli stili. Garrison apprezza il suo allievo, ma “devi stare attento con quella boccaccia che ti sta danneggiando“.

14.41 Nella parte iniziale della coreografia Nunzio ha ballato il classico. Alessandra Celentano non ha apprezzato particolarmente; anzi, Nunzio è “presuntuoso e ha sprecato parte del suo cavallo di battaglia”

14.42 Valeria canta il suo inedito, Il gusto del caffè. Poi toccherà a Francesca con True Colors. A fine perfomance Valeria scoppia a piangere perché sente particolarmente la canzone.

14.46 Prima che canti, viene mostrato un filmato sulla crisi di Francesca. La cantante della squadra blu si lamenta perché in molti non la capiscono. E perché “Mara non mi sta apprezzando“. Momento tenerezza.

14.48 Francesca ammette che riguardandosi le viene da sorridere. E ringrazia “Fabri”, il collaboratore della Maionchi, e un po’ tutti perché questa settimana mi sono sentita amata da tutti. Fabri entra in studio e abbraccia la giovane cantante. Poi arriva il momento dell’ingresso del “grande maestro Perris“. La Di Michele si commuove.

14.51 Brano eseguito con il pianoforte. Al suo fianco, appunto, Pino Perris. L’allieva visibilmente emozionata, commette qualche imprecisione di troppo. Alla fine, Francesca continua a ringraziare. Risultato parziale del televoto: gialli primi, blu secondi, verdi ultimi.

14.54 Francesca contro Chiara, passo a tre di Cannito. La ballerina dei blu non convince Garrison, che vede la parte inferiore del corpo della danzatrice pesante. Nel classico è una fuoriclasse, nel resto no. E per il texano non va bene. Francesca, sicura di sè, risponde a tono al coreografo tirando in ballo Giuseppe. La russa comunque rivendica la superiorità del maestro rispetto all’allieva. Ora tocca a Chiara.

15.01 Pubblicità.

15.06 Nessuno commento sulla perfomance di Chiara. Risutato parziale: blu in testa, gialli al secondo posto, verdi ancora ultimi (che si sono esibiti di meno).

15.07 Ecco il turno del più carismatico dei verdi: Marco canta No woman no cry; a Carlo dei gialli tocca invece Un passo indietro.

15.10 Per la Di Michele l’esibizione è storta, ma energica. E Marco replica: “Bob Marley non era proprio dritto, eh”. Zerbi, per la cronaca, ritiene Grazia cattiva.

15.12 La Di Michele ammette la crescita di Marco. Non quella di Gerardo, che non si applica in saletta e il sabato non convince. Zerbi, laconico:

Che due palle.

15.13 E’ evidente che Zerbi e la Maionchi si siano coalizzati contro la Di Michele. Tocca a Carlo, che stecca all’inizio. Esibizione da dimenticare, al di sotto delle sue capacità. Zerbi scuote la testa, ma lascia andare fino in fondo l’allievo.

15.15 Per Zerbi Carlo è un “buon cantante tecnicamente“, ma “non ha personalità“. Carlo sale sul banco di Zerbi e poi bacia la pelata del prof.. Arriva a centro studio Gerardo, che si lascia cadere in terra. Carlo, con grande ironia, riprendendo il “casca l’asino” di Zerbi, chiarisce:

E’ caduto l’asino.

15.18 Carlo zittisce Zerbi:

Fammi finire, sto parlando io.

15.20 Ilario contro Josè, sulle note di Rabiosa. Garrrison evidenzia che il suo allievo non è stato musicale e che la sua prova non è stata positiva. E anche Ilario tira in ballo Giuseppe (e Francesca). Il giovane ballerino è spaesato, nessun professore lo appoggia. La De Filippi comunque interrompe la discussione perché deve ballare Josè. Garrison blocca la perfomance (ma la leva non funge). Televoto chiuso, pubblicità, col fiatone.

15.31 Garrison a Josè:

Sembravi un pagliaccio.

Il cubano è letteralmente infuriato. Ma non c’è tempo. La sfida è stata vinta dai blu. Secondi i gialli. Terzi, irrimediabilmente, i verdi.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>