Amici 16, anticipazioni puntata 29 novembre 2016

di Redazione Commenta

Amici 16 entra nel vivo, la classe è stata formata e le lezioni sono cominciate. L'appuntamento con la scuola più famosa della Tv è dal lunedì al venerdì, alle 13.50, su Real Time

Amici 16 entra nel vivo, la classe è stata formata e le lezioni sono cominciate. L’appuntamento con la scuola più famosa della Tv  è dal lunedì al venerdì, alle 13.50, su Real Time (Canale 31).

La Celentano tiene una lezione di classico in sala con tutti i ballerini, fa eseguire loro degli esercizi alla sbarra riprendendoli spesso sulla postura, quindi lascia al centro solo Erik e Oliviero; l’insegnante mostra i passi e riprende, ironicamente, Lorenzo perché chiede ai due compagni se vogliano dell’acqua, cosa non ammessa in sala senza l’ok della docente. Boosta incontra in sala Riccardo, dice di aver notato in lui fragilità e un po’ di supponenza e a volte è un po’ arrogante; l’allievo nega di esserlo, crede che il suo atteggiamento sia dovuto all’insicurezza che cerca di mascherare e non gli piace che emerga, del carattere, questo suo lato ; per Boosta il ragazzo ha un modo carino di scrivere ma il suo punto debole è la voce e l’allievo si rammarica perché spesso di lui emerge solo il “bel faccino”. Garrison verifica Raffaella in sala e la critica perché non vede la stessa ragazza dei provini; l’allieva risponde ciò che ha già detto alla Peparini nei giorni scorsi e, mentre tenta di spiegarsi, scoppia in lacrime, da due anni vuole entrare nella scuola e ora le dispiace che emerga questo suo lato; Garrison le asciuga le lacrime, la conforta e poi le fa ballare il passo a due con Marcello e l’assolo, quindi prima di uscire la mette in guardia abbracciandola – rifletti, non mettere un muro – invitandola a pensare che magari non sta “arrivando” come dovrebbe, cosa ribadita anche da Marcello poco dopo. Braga tiene una lezione con i cantanti sull’opera d’arte, sullo schermo appaiono affiancati un punto interrogativo e uno esclamativo che rappresentano per l’insegnante rispettivamente l’ispirazione che ogni cantante deve avere e la sua “opera d’arte”; il docente invita tutti a mettere in pratica le sue parole, devono scegliere una loro immagine che rappresenti una domanda alla quale daranno risposta con una loro canzone, quindi spiega che nello speciale di sabato i ragazzi potrebbero trovare durante l’ esibizione la foto alle loro spalle e, per chiarire meglio il suo pensiero, mostra una sua foto a tre anni in cui era sorridente in braccio al padre e si augura di poter rivedere lo stesso sorriso da parte degli allievi. Emanuel Lo parla con Thomas che nello speciale non ha ballato ma gli è ugualmente piaciuto per come ha usato la voce e il corpo; l’insegnante gli fa ascoltare due brani sui quali chiede che improvvisi e poi gli dà dei consigli per come migliorare i movimenti. Sebastian sta imparando la coreografia assegnatagli da Kledi, anche se ammette che deve prendere confidenza con la ballerina; l’insegnante al termine è soddisfatto, gli piace il suo movimento e trova che abbia una buona memoria, inoltre vorrebbe dargli un voto ancora più alto e gli chiede cosa possa fare per ottenerlo; Sebastian su sua richiesta racconta il passo a due e poi esegue la coreografia con la musica. Rudy pensa che Francesco non gli abbia ancora fatto capire chi sia realmente, l’allievo risponde descrivendo il suo essere “leader” quando suona il piano e canta; Zerbi, che lo ha visto così solo al piano, vorrebbe che lo fosse anche durante un altro tipo di esibizioni, quindi gli fa cantare “Little things” dei One Direction; al termine, il docente apprezza il taglio “adulto” dato alla canzone ma invita il ragazzo a sentirsi sempre leader perché, come gli altri, è in discussione ogni giorno. La Celentano fa delle correzioni a Oliviero che prova la sua coreografia in sala con Martina; Emanuel Lo insegna un nuovo pezzo “arabeggiante” a Lorenzo nel quale deve interagire con la professionista Lorella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>