Andrea Cocco a Verissimo: “Fare il Grande Fratello non vuol dire non avere più diritto ad una vita privata”

di Redazione Commenta

Ospite di Verissimo, domani 8 ottobre alle 15.20, Andrea Cocco ha ribadito la propria intenzione di uscire dal circolo mediatico post Grande Fratello per tutelare la sua vita privata dai vari avvoltoi di notizie:

C’è differenza tra programma e programma e, quando mi avete proposto di venire ospite a Verissimo, ho accettato volentieri l’invito. Rivendico la libertà di poter scegliere in quali trasmissioni andare e il diritto di dire o non dire determinate cose che riguardano la mia vita privata.

La rottura con Margherita ha alimentato il gossip sui reali motivi della scelta:

Certamente c’entra la storia con Margherita. Io e lei siamo entrati in crisi come succede a tante coppie normali. Solo il tempo potrà verificare se la crisi si risolverà. Vivendo questa situazione, non facile io non me la sono sentita di andare in tv a parlare della mia storia d’amore o di far finta che tutto andava bene. Fare il Grande Fratello non vuol dire non avere più diritto ad una vita privata.

Ha aggiunto:

Io sono grato al Grande Fratello. Mi ha dato la possibilità di tornare in Italia e rivedere la mia famiglia. Non ho mai detto che non tornerei al Grande Fratello ma rispondo con un detto giapponese che recita “Il monte Fuji si scala una volta sola nella vita”… il GF, se non l’avessi mai fatto lo farei… ma avendolo già fatto, no, non lo rifarei.

Il gieffino sta vagliando nuovi progetti dal punto di vista professionale:

Ora vorrei fare un viaggio di una settimana. Mi sembra di non avere mai staccato. Poi, sto studiando recitazione. Vorrei fare l’attore. Mi do l’1% di percentuale di riuscita perché è un settore molto difficile. Se non ce la farò tornerò alla mia vita di prima. Fortunatamente mi sono creato delle alternative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>