Daniele Bossari: “Emma Marrone, un talento incompreso ai tempi di Superstar”

di Redazione Commenta

Intervistato dal settimanale Top, Daniele Bossari, storico conduttore del talent flop, Superstar, ritorna sul successo mancato delle Lucky Star, la girl band formata Laura Pisu, Colomba Pane ed Emma Marrone, attuale finalista della nona edizione di Amici.

Nessuno si interessò a loro veramente. Ora le cose sono completamente cambiate.

Il conduttore respinge le accuse di aver illuso le protagoniste della band

Emma non ebbe successo perché purtroppo quell’edizione di Superstar non fu premiata dagli ascolti e, quindi, una volta conclusosi il programma, per Emma e le altre vincitrici, che fondarono per l’occasione il gruppo delle Lucky Star, non ci fu alcuna richiesta da parte delle case discografiche, nonostante diversi contatti.

Nel lontano 2003, anno in cui si è formato il gruppo, c’erano ancora forti pregiudizi verso i talent, che per fortuna col corso degli anni stanno lentamente scomparendo

C’è ancora qualche pregiudizio, ma il pubblico adesso vede che questi talenti passano direttamente dal palcoscenico tv a quello di manifestazioni rivolte ai professionisti della musica. E con grande successo. Basta vedere le ultime due edizioni del Festival di Sanremo, vinte da due ragazzi esplosi ad Amici, Marco Carta e Valerio Scanu.

Bossari può essere considerato il precursore dei moderni talent show in stile X Factor ed Amici.

In passato ne ho condotti diversi: da Popstars a Saranno famosi, sino a Superstar Tour. Non sono d’accordo con chi dice che questo genere di programmi abbia successo soltanto ora. Il gruppo femminile delle Lollipop si fece conoscere nel 2000 proprio partendo da PopStars. Terminata la trasmissione vendettero migliaia di copie dei loro dischi, calamitando l’attenzione dei fan anche in occasioni prestigiose come il Festivalbar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>