Flavio Briatore, intervista a Le Invasioni Barbariche

di Elide Messineo Commenta

Nell’ultima puntata de Le Invasioni Barbariche, Daria Bignardi ha ospitato Flavio Briatore, il temibile boss di The Apprentice Italia.


E a proposito di The Apprentice, pare che Flavio Briatore abbia trasmesso anche al figlio Nathan Falco la capacità di decidere in poco tempo chi gli piace oppure no. Parlando di lavoro, l’imprenditore è soddisfatto dei suoi risultati e pensa che l’Africa sia il futuro del business (viene naturale pensare all’imitazione di Maurizio Crozza):

Per me nel mondo lavorano 1500 persone circa. Non conosco tutti, ma il trenta o quaranta per cento di loro sì. Ce ne sono alcuni in Italia, molti in Kenya e a New York. Comunque io credo che l’Africa sia il futuro non solo per il turismo. L’Africa è come noi 40 anni fa.

Per quanto riguarda i giovani, invece, Briatore pensa che siano indispensabili le esperienze all’estero ma non discrimina i lavori umili, l’importante è puntare in alto:

Ho fatto il cameriere e non mi sentivo uno sfigato. Devi essere il numero 1 per te stesso nel lavoro che fai!

E poi si è parlato anche di amore e di Elisabetta Gregoraci, sua moglie:

Credo che Elisabetta sia bella perché sta con me che la rendo felice. Quando una donna è felice è anche più bella.

Flavio Briatore ha commentato anche l’imitazione che Crozza fa di lui:

A me Crozza fa ridere quando mi imita, è uno bravo. Certe volte mi irrita un po’, però vedo che anche lui ride mentre mi imita. Mi sono arrabbiata una volta sola con lui, ma non ricordo nemmeno perché.

Parlando di The Apprentice, invece, l’imprenditore pensa che i ragazzi di quest’anno siano molto teorici. Dopo un discorso sulla politica, si è finito anche con il parlare di Silvio Berlusconi, e per quanto riguarda Briatore, Francesca Pascale è approvatissima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>