Gabriele Belli a Mondoreality: “Ho voglia di dare una famiglia canonica alla mia compagna. Ci vogliamo sposare”

di Redazione 2

Non ti sei rotto di rispondere alle solite domande sulla tua sessualità?

No, perché la mia scelta di andare al Grande Fratello era consapevolissima di dover affrontare non una ma miliardi di domande sul mio passato. Sono andato proprio per sensibilizzare le persone che guardano la tv. Non sono andato per soldi, certo non li disdegno, ma il mio obbiettivo era andare a raccontare una storia e quindi non posso rompermi per le domande sull’argomento che porto.

Come si arriva ad un tentato suicidio?

Il primo tentato suicidio è avvenuto a 18 anni mentre il secondo a 30. Arriva dal disagio interiore per non trovare una collocazione. Arriva dal fatto che sai di non appartenere ad una cosa, che non riesci a capire che cos’è. Gi altri sicuramente non ti aiutano perché ti mettono nella parte che non ti appartiene. Quindi è un po’ colpa tua e un pò degli altri. Quindi nella domanda si può rischiare di perdere la voglia di vivere.

La “nonna violenta” ha influito su questo?

Mia nonna aveva i suoi problemi, non era una persona violenta ma una persona con problemi come ci sono in molte famiglie, padri e madri che hanno problemi ad andare avanti. Sicuramente avere una famiglia che non ti è stata vicino influisce. Se avessi avuto una famiglia amorevole e che mi comprendeva forse sarebbe stato diverso. Essere a contatto con persone che hanno problemi e disagi, sono cause di malessere.

Adesso hai trovato la persona della tua vita: Gabriella. Presto sposi?

Si, l’idea è quella. E’ comunque una persona per cui io provo un sentimento, ed è importate creare una famiglia. Al Grande Fratello ho giocato, e giocare al Grande Fratello significa lasciarsi alle spalle i familiari come abbiamo ben visto e le persone che ti stanno a cuore, come a me Gabriella, alla quale go portato rispetto. Ho voglia di dare una famiglia canonica alla mia compagna.

Approposito di Grande Fratello: è un esperienza che rifaresti oppure no?

Assolutamente si, la rifarei mille volte e oltretutto non cambierei molto di me. A tratti vorrei essere stato più leggero, un pochino più divertente e anche più divertito. Io sono entrato con una frase, che mi ricordo anche l’emozione di averla detta, “ragazzi non prendiamoci troppo sul serio”. Loro era una settimana che erano già dentro: avevano disagi e paure che io non comprendevo. Una settimana dopo mi risono trovato io come loro.Tornassi dentro con la consapevolezza di oggi, sarei più allegro, spigliato, spiritoso e meno angosciato. Non mi pento però assolutamente di quello che ho fatto.

Chi è il tuo vincitore ideale?

Non c’è né, non ho un vincitore ideale. Ho un vincitore ipotetico per quelle che possono essere le dinamiche di gioco. Purtroppo non sento persone libere di esprimersi e di poter arrivare in fondo perché sono persone intrappolate in meccanismi, che estremizzano il loro carattere. Io non ti sto parlando di manipolazone ma di estramatizzazioni caratteriali. Quindi avendo davanti persone estremizzate, io che cerco la verità degli esseri umani, ti dico che potrebbe vincere Mauro anche se a volte ha degli atteggiamenti esagerati, Maicol non ne parliamo. L’hanno criticato tutti, ma quello che alla fine è stato il più coerente con la sua età, e quindi con l’arroganza e l’incosapevolzza della sua età, è Marco. Quindi se vogliamo far vincere la persona più onesta con il suo essere, ti dico Marco. A questo punto potrei dirti anche Carmen, anche se essendo una donna rispetto a Marco, eppure avendo la stessa età, è penalizzata. Però anche lei avendo 18 anni può comportarsi che vuole a tutti i costi arrivare. A loro lo perdono, agli altri un po’ meno.

Come ti sono sembrate queste ultime puntate del Grande Fratello?

Ti commento l’ultimo exploit di Daniele, che ha detto a Veronica di andare a fare film porno. Io penso che un uomo non si deve mai permettere in televisione di avere questi eccessi di ira. In lui si vedeva un atteggiamento di fidanzato tradito ed esagerato, troppo pesante per un gioco perché ricordiamoci che il Grande Fratello è un gioco. Quindi fare una metafora del genere è troppo, ne parla uno che ha fatto lo stesso errore con Veronica.che è sicuramente esagerata nei suoi atteggiamenti, non si rende conto di essere seducente quindi crea casini. I vari avventimenti dimostrano che oggi come oggi viviamo tempi strani in cui alle persone prendono con leggerezza le belle cose che li capitano. Il Gf è un sogno e noi siamo stati capaci di rovinarcelo: ho visto persone preoccupate ad arrivare alla fine e al giorno dopo, preoccupate di fare bella figura.

Un consiglio a chi si sente uomo in corpo di donna o viceversa.

Il consiglio lo do a ogni persona che si sente intrappolata in un meccanismo familiare, lavorativo o in qualunque luogo che non ti fa esprimere ciò che sei. Consiglio di trovare in se stessi un momento di pace, di serenità, di silenzio interiore e una voce che sia una preghiera che ti fa sentire forte perché c’è qualcuno, e non dico un Dio, dico qualcosa di più forte e grande di noi che ci può aiutare. Fondamentalmente ci sentiamo soli ma non siamo soli. Basta chiudere gli occhi e trovare qualcosa che ci aiuti ad andare avanti. Il consiglio che do è quello di non cedere a chi ci vuole strumentalizzare, chi ci vuole buttare per strada in qualunque modo, in strada come metafora nel senso di strumentalizzazione mediatica.

Ringraziamo per la disponibilità Gabriele, che dalla prossima settimana commenterà per noi le puntate rimanenti del Grande Fratello 10.

Commenti (2)

  1. Bravo,Giulio ! Complimenti ! Le stesse domande che avrei chiesto anch’io ! Il “personaggio” mi è sembrato sincero,perchè non ha “sviato” nel risponderTi. Mi sono divertita e spero di leggere ancora presto i Tuoi articoli. Buon lavoro e grazie a TE. Ciao , M.Grazia

  2. @ M.Grazia Massarini:
    Grazie mille Maria Grazia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>