L’Isola dei Famosi: giorno 10

di Redazione Commenta

Tra i Famosi non pare esserci alcuna unità, soprattutto tra le donne: l’ennesimo diverbio avviene tra Belen e Flavia, per una razione di riso che quest’ultima vorrebbe avere a tutti i costi. Che donne agguerrite! Farebbero meglio a tener la bocca chiusa e sfruttare le energie a loro disposizione cercando di procurare cibo.

Non finisce qui:si nota la mancanza della scorta giornaliera d’acqua e, ciliegina sulla torta, Flavia attribuisce la colpa a Veridiana e Belen, ed al loro inutile spreco d’acqua dovuto all’uso frequente dello spazzolino.

Flavia ne combina una delle sue prepararando un dolce fatto di cocco e riso, che può essere ingurgitato solo da chi ha lo stomaco forte, o come in questo caso, non ci vede più dalla fame. Michi esordisce con una frase che rende ben chiara l’idea del dolce:”Fa schifo!”

A Laguna Cacao, i Nip hanno un lasciapassare per naufraghi che li rende degni de L’Isola. Nonostante Daniele, indebolito fisicamente e psicologicamente, stia attraversando un momento di crisi, e cerca di parlarne con Giucas per ricevere un sostegno morale da lui (a mio dire non molto azzeccato, in quanto Giucas qualche ora dopo finirà in ospedale accusando un forte dolore allo stomaco e dovrà passare lì la notte per ulteriori accertamenti), con l’aiuto di Alessandro, non solo riesce ad accendere il fuoco, ma insieme ai suoi compagni vince anche la prova ricompensa contro i Vip, che permette loro di gustarsi una buonissima pizza. Stavolta vi è un gesto minimo di generosità, giusto un pezzetto di pizza che viene gradito da Luxuria, ma non dall’orgoglioso Tumiotto, che lo getta in mare.

I Famosi tornano a Cayo Paloma amareggiati e delusi, ma Massimo usa le giuste parole per dar loro le forze per andare avanti. Questo si che è un vero leader!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>