L’Isola dei Famosi: giorno 30

di Redazione Commenta

Spread the love

Anche oggi il tempo non promette nulla di buono, tanto che inizia a piovere, ma i naufraghi non sembrano abbattuti. Chi non vuole stare con le mani in mano e si rende subito attiva è Ela, che propone ed inizia la costruzione di una nassa per catturare i pesci.

Apprezza tantissimo quest’idea Vladimir, che dopo aver ascoltato la spiegazione di cosa sia la nassa e in cosa consista, esclama: ma che sei Leonardo Da Vinci? Per un attimo c’è stato un pò di allarmismo, perchè non si riescono più a trovare i coltelli che erano stati lavati da Carlo. Fortunatamente è riuscito a trovarli Rossano quasi sommersi dalla sabbia, e consiglia ai suoi compagni di stare più attenti.

Massimo viene visitato dal medico, che pensa si tratti di rottura del tendine e va in ospedale per fare una risonanza magnetica: Come il medico sospettava c’è la rottura del tendine che però gli permette di continuare la partecipazione al programma.

Chiara si confida con Peppe, dicendo che si sente meno competitiva rispetto agli altri naufraghi e pensa che ci siano altre persone che meritino più di lei di rimanere all’interno de L’Isola, perchè spiega di aver perso lo spirito di avventura. Vladimir e Rossano decidono di cucinare il riso prima che il fuoco si spenga. Le donne, soprattutto Veridiana e Belen dubitano delle capacità culinarie di Luxuria, ma si devono ricredere.

Chi, invece, si trova in difficoltà è Leonardo che alla spiaggia dei lavori forzati, per via della mancanza di fuoco (spento a causa della pioggia) è costretto a mangiare il riso crudo e quella rimarrà la sua unica cena perchè la razione giornaliera di scatola contiene le rape che non piacciono al naufrago. Anche il malltempo non permette al naufrago di iniziare il compito che gli è stato assegnato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>