Pechino Express: riassunto settima puntata: nessun eliminato. Vincono i fidanzati

di Redazione Commenta

La settima puntata di Pechino Express porta i concorrenti in Cina per la prima volta, a pochi passi dal traguardo. La scorsa settimana sono state eliminate le Veline Costanza Caracciolo e Federica Nargi, questa puntata si apre con qualche novità: niente prova immunità, chi vince la prova di metà gara ottiene qualche vantaggio, mentre chi arriva per ultimo, automaticamente lascia il gioco.

La prova di partenza richiede ai giocatori di trovare una chiave per aprire il forziere contenente le indicazioni per continuare il percorso. Sono i Pizza insieme agli attori ad avere la meglio, trovando la foto di un palazzo che si trova a pochi chilometri dal luogo di partenza. Gli attori trovano la chiave e l’indizio, raggiungere Shouning Road, mentre i fidanzati dovranno portare un serpente vivo, a mani nude, a un cuoco che lo uccide e cucina per loro, che dovranno poi mangiarlo e sono i primi ad arrivare al Ginger Tower Hotel, aggiudicandosi una Suite di lusso.

Dopo la prima notte, passata come sempre a cercare un alloggio, sono i Pizza ad arrivare per primi al libro rosso, attraversando il fiume, sono i Ballerini, che dovranno sfidare i Fidanzati. La prova, che offrirà un vantaggio alla coppia vincitrice, prevede di scrivere “Pechino Express” usando dei teli ed una sola canna di bambù, sotto la pioggia tutto è ancora più difficile. Vincono i fidanzati, la punizione prevede che gli altri viaggino con gli zaini legati e con un mattoncino rosso verso Nanjing; sopra ogni mattoncino, una persona del luogo dovrà scrivere un desiderio. Il traguardo è la città di Qufu.

I primi ad arrivare sono gli Attori, lì trovano le chiavi per liberarsi dalle catene, ma prima di partire devono aspettare l’arrivo della coppia successiva. I primi a raggiungere il traguardo, però, sono i fidanzati, gli ultimi sono Costantino e Barù ma c’è un colpo di scena, Emanuele Filiberto dichiara:

La busta nera di Pechino Express dice che questa tappa non è eliminatoria.

Questa volta tutti salvi, un po’ di solidarietà prima del gran finale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>