Grande Fratello 9: reality oltre ogni limite?

di Redazione 3

Oggi a Pomeriggio cinque, è andato in onda ciò che non si vorrebbe mai vedere, episodi una storia di violenza domestica (prendete con le pinze ciò che adesso vi riferirò). Un noto proverbio dice che i “panni sporchi si lavano in famiglia“, ma in questo caso per la famiglia di Vanessa del Grande Fratello 9 non è stato cosi.

A rivelare particolari di violenza e di degrado avvenuti all’interno della famiglia di Vanessa è proprio la zia, ospite di Barbara D’Urso all’interno del programma pomeridiano. La parente ( ex moglie del fratello della madre di Vanessa), è venuta a raccontare la sua verità: sostiene che il padre di Vanessa non l’abbia mai abbandonata, ma che è stata la presenza di un uomo nella vita della madre di Vanessa che ha portato alla loro separazione. Inoltre, la donna racconta la sua vita triste e difficile, fatta di continue violenze (picchiata dall’ex marito) e vessazioni che ha dovuto subire, di seri problemi economici, situazioni che la madre di VanessaVanessa stessa pur essendo consapevoli di ciò che accadeva, non hanno mosso alcun dito per aiutarla.Interviene telefonicamente, a questo punto, la diretta interessata, la madre di Vanessa, che smentisce categoricamente il fatto di non averla mai aiutata, sostiene che nel momento in cui la donna aveva deciso di sposare suo fratello, era a conoscenza del fatto che lui non stesse bene, e che proprio per il fatto di averla sempre difesa c’è stata la rottura definitiva tra lei ed il fratello. Per cercare di chiarire ulteriormente la situazione, Barbara ha invitato l’ex marito della donna per venire a capo di questa triste matassa.

Non ci sono altre parole per commentare il tutto. Una domanda sorge spontanea: fino a quanto un reality può invadere e stravolgere la vita di chi vi partecipa? E’ giusto che accada tutto ciò? In un mondo televisivo che mercifica ogni più intimo aspetto della vita privata pur di fare ascolti, si spera in un pò più di rispetto. Il reality è divertimento, spettacolo, ma stavolta è davvero troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>