Sanremo 2011, Gino Castaldo boccia Modà Emma Marrone e Anna Tatangelo. Insufficienti anche Giusy Ferreri e Nathalie

di Redazione 2

Foto: AP/LaPresse

Gino Castaldo de La Repubblica ha dato le pagelle alle esibizioni della prima serata del Festival di Sanremo. Il critico stamane ha bocciato tutte le ex talent (e non solo) presenti all’Ariston, nettamente in controtendenza con i voti che abbiamo assegnato noi:

Giusy FerreriIl mare immenso: 5

Un piccolo passo avanti rispetto alle mediocri prove degli ultimi tempi, grazie a un pezzo firmato da Bungaro. Se sarà nuova vita o meno si vedrà.

Modà con EmmaArriverà 3

Il vero pericolo del festival. I Modà, indecisi se emulare i Negramaro o i Pooh, ricorrono alla campionessa da talent show per sbancare il festival. Qualcuno riuscirà a fermarli?

NathalieVivo Sospesa: 5

La scelta è singolare, visto che la trentunenne Nathalie Giannitrapani arriva da X Factor, ma al posto della prevedibile melodia senza storia e senza validi motivi, appari quasi cantautorale, il che merita almeno un piccolo incoraggiamento.

Anna TatangeloBastardo: 3

Stai calma, verrebbe da dire. Al di là del fatto che il titolo ha già un (dimenticato) precedente proprio al festival, l’aggressività un po’ artificiale del pezzo risulta alla fine solo sgradevole. Ma che avrà mai da arrabbiarsi tanto?

Commenti (2)

  1. a me tt sti critici mi sembrano solo una massa di frustrati e falliti, non so, ma come si fa a dare 3-5 a delle persone che vanno lì e ci mettono la faccia? ma vergognatevi, voi la musica non la fate la ascoltate come tt noi quindi direi di stare calmini..

  2. scusa valichicca ma un conto è risentirsi per un giudizio che non si condivide, un altro offendere chi fa quello per cui è chiamato, cioè dare opinioni.

Lascia un commento a valichicca Cancel Reply

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>