Sara Tommasi: “Sono stati gli alieni a convincermi a girare un film hard”

di Redazione Commenta

Spread the love

Sara Tommasi continua a fare parlare di se. L’ex naufraga dell’Isola dei famosi, una volta concluse le riprese del tanto chiacchierato, La prima volta, il film hard che ha appena finito di girare, confessa che ciò che l’ha convinta a esserne la protagonista: non è la droga, come dichiarato in un primo momento, ma niente meno che gli alieni.

Teatro della sconcertante rivelazione che la showgirl fa al Resto del Carlino è la villa di Fermo di Guido Maria Ranieri, il regista che l’ha diretta:

Alcuni giorni prima di entrare in questo ambiente ho avuto un contatto con entità aliene che mi hanno impiantato un microchip nel cervello con lo scopo di diffondere l’amore nel mondo. Due di loro sono stati sempre presenti di nascosto sul set.

Ranieri conferma la versione della sua attrice:

In fase di montaggio mi sono accorto che nella scena girata nel bosco, in un frame, facendo molta attenzione, si nota apparire una figura scura che poi sparisce immediatamente dallo sfondo.

Gli incontri alieni della Tommasi sarebbero stati due, il primo per impiantare il microchip e ordinarle di girare la pellicola, il secondo per invitare la soubrette a sbrigarsi. Il registra infatti racconta:

Il giorno prima delle riprese, Sara mi ha telefonato alle 5 del mattino e mi ha raccontato di aver avuto di nuovo la visita, nel cuore della notte, di queste entità aliene che le hanno comandato di effettuare le riprese entro il giorno seguente, così siamo stati costretti a girare il film tutto di corsa.

Un teaser di 30 secondi del debutto della Tommasi nell’hard è stato pubblicato su YouTube guadagnandosi quasi 900mila visualizzazioni in poche ore. Semplice voglia di apparire o un disagio più profondo?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>