Vanity Fair, il direttore Luca Dini: “Emma non voleva fare questa copertina. Ci sono volute diverse settimane di corteggiamento”

di Sebastiano Cascone 13

 Il direttore di Vanity Fair, Luca Dini, ha pubblicato un lungo editoriale per spiegare le ragioni dell’ultima copertina con protagonista Emma Marrone che, per la prima volta, ha vuotato il sacco sull’affaire sentimentale che la vede contrapposta alla neo coppia Belen RodriguezStefano De Martino. Si legge:

Mi fa specie essere quello che difendeva Belén, e adesso quello che difende la sua nemesi. Però, come non sopportavo quelli che insultavano e insultano l’argentina, trovo ripugnante la violenza dei commenti (andateveli a vedere, sotto il lancio della storia) che adesso accompagnano Emma.
Tirano in ballo Presta, ma vi rendete conto? Ma un normale utente dello spettacolo e della Tv, perché dovrebbe sapere chi è Presta? Perché dovrebbe addirittura sapere che Presta esiste?
Soprattutto, si permettono un livello di aggressività e volgarità che mai riserveremmo non dico a nostro fratello o al nostro amico, ma neppure a un conoscente. Che cosa è successo al mondo? Basta la crisi a giustificare l’aggressione verso chi sta un po’ meglio senza aver rubato niente a nessuno, anzi (nel caso di Emma) essendosi ampiamente sudato tutto quello che ha?
Il tutto, accompagnato dall’ipocrisia politicamente corretta di leggere avidamente la storia e commentarla (oggi Emma, ieri Belén), salvo poi dire che Vanity Fair dovrebbe occuparsi di «personaggi di spessore», e non di accontentare la smania di protagonismo di chi è pronto a vendere la propria vita privata in cambio di un po’ di esposizione.
Volete la verità? Emma questa copertina non la voleva fare. L’ho dovuta convincere, e per convincerla ci sono volute diverse settimane di corteggiamento. E allora?
Vero: all’epoca di Sanremo ho pronosticato che la sua canzone avrebbe vinto, ma ho detto che io preferivo quelle di Noemi e Arisa. E allora? Ho forse detto che Emma non sapeva cantare? Che doveva tutta la sua fama alle manovre di Lucio Presta e alla protezione di Maria De Filippi?
Se non è finita prima in copertina, è stato per una serie di elementi – non tutti dipendenti da me. Ma se anche fosse che la mettiamo in copertina «solo per la storia che le è successa»: e allora? I migliori romanzi non sono forse fatti di tradimenti e vendette, cadute e risalite, delitti e castighi? Che male c’è se siamo umani e le storie complicate ci affascinano più di quelle lineari?
Non mi spaventa la naturale curiosità dell’uomo. Capisco chi, nel caso singolo, quella curiosità dice di non averla, ma la rispetta negli altri. Non capisco chi ha l’arroganza e l’ipocrisia di condannarla a priori.
Io, almeno, la penso così.

Ci saranno, anche, volute settimane di corteggiamento serrato da parte del settimanale ma, a giudicare dall’ultima immagine postata su Twitter (in apertura di post), la giovane cantante mostra soddisfatta la cover a tutti i propri fan. Cosa le avrà fatto cambiare idea?

Commenti (13)

  1. Mi piacerebbe tanto sapere cosa veramente ha detto ad Emma il direttore di Vanity Fair, per convincerla a fare la copertina e a “vuotare il sacco” sull’affaire sentimentale.
    Ma poi non ci vuole molto per capire.

  2. Certo, Emma non voleva fare questa copertina, Emma è una ragazza buona che non sfrutterebbe mai una “storia d’amore” andata in fumo per fare successo…

  3. che grandissima buffonata!!!! emma non può predicare superiorità e distanza da queste cose e poi fa una copertina dove parla solo della storia di belen e stefano…che incoerenza!!! gli insulti ci stanno tutti visto come i fans di emma hanno trattato belen! (e non sto difendendo belen)

  4. diciamo che la storia Belen-Stefano ha fatto bene a tutti in popolarita’ EMMA compresa

  5. Siete tutti così acidi qui?
    Mi riferisco soprattutto @ Elena:
    Sei solo capace di dare critiche, sei la solita maestrina saccente che tutto sa e che parla sempre di tutto e di tutti, sembri una pensionata! Emma non sta sfruttando un bel niente, si fa di tutto per screditarla! Il direttore di Vanity Fair ha detto bene, Emma quella copertina non la voleva fare, lei non ha bisogno di questi giochetti per farsi amare dal pubblico, ha tante fan che la sostengono e un pubblico che non l’abbandonerà mai. Ora Emma è diventata quella cattiva, quando è lei che è stata tradita. Ora Belen sembra una santa!!!!!!!!!!!!!
    @ giulio:
    Tu ed Elena potreste benissimo prendervi a braccetto e sposarvi, siete tutti due grandi criticoni, criticate qualunque cosa si muova:Amici, il programma, Maria DeFilippi, Amici Kids, Sanremo, Gerardo, il canto, il ballo, Giuseppe, il programma truccato, i giudici che non sanno valutare, tutto!!!!!! Ma basta!!!! Non vi sto a sopportà più!
    Vabbè criticare, ma così tanto no!!!!! Uno si scoccia!!!!
    @ carlo:
    Emma non è incoerente, insultare non stà mai bene a nessuno, Belen ha ricevuto il trattamento che meritava, passa da corona a stefano in pochi secondi! Io comunque non l’ho insultata, chi l’ha insultata sono i fans maleducati, non i fans di Emma! A noi non interessa un fico secco di Belen!!!!!!!!!

  6. Per me con queste storie stanno sperimentando l’argomento per il nuovo libro che Zanforlin.Quanta falsità…

  7. Si sta screditando Emma in una maniera pazzesca!

  8. @ Simonetta:

    ” insultare non stà(si dice sta) mai bene a nessuno”

    “@ Elena:
    Sei solo capace di dare critiche(da che pulpito viene la predica!), sei la solita maestrina saccente che tutto sa e che parla sempre di tutto e di tutti, sembri una pensionata”
    Ti prego, basta, sei troppo buona, non mi merito questi complimenti, sono solo una megacattivona saccente, no? 😉

    “Emma non sta sfruttando un bel niente, si fa di tutto per screditarla! Il direttore di Vanity Fair ha detto bene, Emma quella copertina non la voleva fare, lei non ha bisogno di questi giochetti per farsi amare dal pubblico”
    Credici, credici…

    “Ora Belen sembra una santa!!!!!!!!!!!!!”
    Non nominare così la santa Belen! Ora alziamoci e preghiamo.
    Nessuno sta santificando Belen, anche lei, come Stefano, ha le sue colpe.

    “Ora Emma è diventata quella cattiva, quando è lei che è stata tradita”
    Nessuno sta dicendo che Emma è cattiva, ti invito a rileggere il mio commento. Anche se lei è stata tradita, non può approfittarsi così tanto della sua storiella d’amore per ottenere più successo.

    “@ giulio:
    Tu ed Elena potreste benissimo prendervi a braccetto e sposarvi, siete tutti due grandi criticoni, criticate qualunque cosa si muova”
    Non ho pensato ancora al matrimonio, chissà! 😉
    Io e Giulio non possiamo valutare ciò che la televisione italiana ci offre attualmente? Dovremo per caso tenere il cervello spento e applaudire a tutto ciò che vediamo? Non possiamo, come dici tu, criticare ciò che non apprezziamo, spiegando, a differenza tua, i motivi?

    “Io comunque non l’ho insultata, chi l’ha insultata sono i fans maleducati, non i fans di Emma.
    A noi non interessa un fico secco di Belen!!!!!!!!!”
    Assolutamente no! Chi potrebbe mai pensare una cosa del genere? A nessuno interessa “un fico secco”(che bell’espressione) della santa Belen. Infatti tu l’hai nominata non so quante volte!

    ” Emma non è incoerente, Belen ha ricevuto il trattamento che meritava, passa da corona a stefano in pochi secondi”
    Hai ragione! Emma non è incoerente! Quella, a quanto pare, sei tu!

    Ti ringrazio per il divertimento che mi hai fatto provare, mi hai messo di buon umore!
    La prossima volta cerca però di dare delle motivazioni serie a ciò che dici, ok? 🙂
    Saluti, Elena.

  9. @ Simonetta:
    Se tu vuoi ficcare la testa e il cervello sotto la sabbia sono affaracci tuoi, ma confutare una verità sotto gli occhi di tutti e da crociata persa.
    Inoltre cara “ragazza” io critico e dico quello che penso e non sarai certo tu con le tue battutine cretine, che mi farai cambiare idea.
    Se sei scocciata di sentire commenti negativi, allora, fammi il favore, non entrare nel blog,…restane fuori così potrai far riposare ulteriormente il cervello e risparmiarti, di dare fiato alla bocca.
    Inoltre tanto per farti capire (ma non credo di riuscirci) se una persona con gli attributi (Emma) non vuole farsi convincere, a dare alla stampa sue notizie prettamente personali, non ci sono direttori che tengano.
    Una bella copertina e un servizio su Vanity Fair, nel mondo dello spettacolo, fanno gola a tutti, compreso la tua protetta.
    Per finire, faresti bene a togliere le fette di prosciutto dagli occhi e a prenderti meno confidenza, con chi non te ne ha mai dato, critica pure quanto ti pare, ma mantieni le distanze e la decenza.
    You understand!

  10. P.S.: Per la cronaca io critico il criticabile, fosse anche un mio preferito, se predica bene e razzola male, allora qualcuno glielo dovrà dire e non applaudire sempre come una foca ammaestrata.

  11. DUE SETTIMANE FA, IN UN LOCALE DI MILANO, UNA CHE SI VANTAVA DI ESSERE LA RESPONSABILE COMUNICAZIONE DI EMMA MARRONE DICEVA A TUTTI: “HO CHIUSO UNA GROSSA ESCLUSIVA PER EMMA! HO CHIUSO UNA GROSSA ESCLUSIVA PER EMMA! HO CHIUSO UNA GROSSA ESCLUSIVA PER EMMA!”. POI HO SENTITO CHE SI CHIAMAVA VALERIA, MA NON SO CHI SIA. MA SE QUESTA DICE CHE CHE HA CHIUSO LEI UN’ESCLUSIVA PER EMMA, PERCHE’ QUESTO DIRETTORE DICE CHE L’HANNO CORTEGGIATA PER SETTIMANE? IO UNA RISPOSTA L’AVREI…

  12. @ luc:
    La risposta è : PUR DI APPARIRE, SI FAREBBERO CARTE FALSE!

    P.S.: Per salvaguardare l’immagine di “ragazza tutta di un pezzo” che Emma ha voluto dare di se stessa, era necessaria, la dichiarazione del lungo “corteggiamento”, fatto dal direttore di Vanity Fair.
    Considerazione: Come se al direttore, interessasse, avere Emma sulla copertina, quando personaggi del jet set internazionale, farebbero faville, pur di apparire su questa rivista.

  13. @ giulio
    Yes. Il problema è che molti non sanno che queste persone spesso non decidono nulla, che dietro ci sono società che decidono per loro. Per lo siamo tutti fessi e pecoroni. Oltre che creduloni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>