X Factor 2, la conferenza stampa a Milano

di Diego Odello 2

Si è tenuta oggi a Milano la conferenza stampa della seconda edizione di X Factor, che premierà il vincitore con un contratto discografico del valore di 300000 euro. Cosa hanno detto Marano, la Ventura, Morgan, Facchinetti, la Maionchi e Gori? Andiamo subito a raccontarvelo:

Marano sottolinea il grande investimento che è stato fatto per organizzare l’edizione di quest’anno e ammette che sarà una sfida difficile con il GF9, che è compito della rete togliere ascolti alla concorrenza di Canale 5.

Gori parla degli ingressi di altri concorrenti e dice che ci saranno solo alla terza, alla quinta, alla settima e alla nona puntata.

Simona Ventura spera che ci sia qualcuno che bissi il successo di Giusy Ferreri e parlando dei suoi ragazzi, assicura che sono ingenui (cosa che non trova Morgan), ma pieni di entusiasmo.

Morgan, che sottolinea l’omologazione e l’assenza d’identità dei nuovi cantanti, dice di avere ricevuto un quasi si da BattiatoFossati e un si di Jovanotti come ospiti di questa edizione (oltre agli Aram Quartet e Giusy Ferreri nella prima puntata).

Mara Maionchi sottolinea che i suoi gruppi sono bravini e che è pronta a lavorare e divertirsi con loro.

Francesco Facchinetti ha detto che renderà il format anglosassone più mediterraneo, senza perdere l’attenzione alla preparazione dei cantanti.

Commenti (2)

  1. io sono sicurissimo che la prima puntata farà flop al 100%
    la prima puntata del grande fratello è molto attesa e perfino io che non sono un grande amante del gf mi sa che il 12 mi sintonizzerò su canale5 perché so che la prima puntata di xf è di presentazione ed è molto noiosa
    io consiglio vivamente a marano di spostare xf al martedì perché così avrebbe come concorrenza ris5 che già il nome sa di flop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>