Extra Factor 16 Settembre 2010. Malgioglio: “Dorina è una brava corista. Nevruz non sa cantare”

di Redazione 3

18.45 – Inizia l’appuntamento odierno con eXtra Factor, condotto ovviamente da Francesco Facchinetti. La puntata inizia con i nuovi casting: infatti nella prossima puntata entrerà u nuovo concorrente. I primi casting mostrati sono quelli dei Gruppi Vocali, quindi della categoria di Enrico Ruggeri accompagnato dalla moglie Andrea Mirò e dal vocal coach Fabrizio Palermo.

Tra i bocciati troviamo i Chiaroscuro, Marco e Ariel e le Twin Sister. Passano le Melodike Armonie (formate da la mora, la bionda e la rossa), i Solifonica, il quintetto Feel e i Rosso Diva.

Gli opinionisti presenti in studio sono Benedetta Mazzini, Carlo Pastore e Cristiano Malgioglio.

Intanto continuano i casting, è il turno della categoria Over 25 di Elio. Ad accompagnarlo Cesareo e Faso delle Storie tese (che avvertono Elio, durante le esibizioni, con gesti particolari) e il vocal coach Alberto Tafuri. Passati: Francesca Cerriero, Gianmarco Dottori, Cassandra Raffaele, Tiziano Fabrizi, Claudio Colombo, Grazia Capone e Roberto Tiranti (ex cantente dei New Trolls).

Bocciato invece Luigi Leante che chiede alle Storie tere cosa sia l’x factor. La risposta é:

la distanza che c’è tra te e il te stesso

Dorina (e il mondo) contro Nevruz: ieri Dorina, e successivamente anche gli altri cantanti, hanno litigato con Nevruz perchè contestava il fatto che Dorina abbia chiamato amica la bella Sofia (qui trovate la nostra intervista esclusiva).

C’è chi si schiera a favore di Dorina e chi a favore di Nevruz. Benedetta Mazzini si schiera contro Dorina, dicendo che è molto aggressiva e che Nevruz ha detto la sua opinione educatamente.

Malgioglio si scantena:

Non me ne frega niente dei loro litigi. Dorina è aggressiva, non è una brava cantante, ma una corista. Nevruz non sa cantare, è un umiliazione per i cantanti bravi.

Si parla di Stefano: nell’esibizione di martdì si è visto particolarmente emozionato. Enrico, subito dopo, non si è sentito di giudicarlo:

tutto l’insieme ha emozionato anche me, ma se avessi dovuto parlare da giudice, non sarebbe stato un giudizio molto positivo.

Quando si tratta di Stefano le emozioni sono ciò che conta, basta ascoltarlo per percepire tutto ciò che l’artista prova in quel momento. Il minuti e 40 di applauso se li è meritati tutti, nonostante l’intonazione non perfetta. Ma cosa pensa Stefano di sè stesso?

avevo un piano in gola e lo stomaco che mi faceva male. Io non ho mai detto Ti Amo, e cantarlo è stata una grande liberazione, quando ho detto che nell’amore le parole non contano, conta solo la musica, è forse il motivo per cui sono qui.

Ruggero commenta:

secondo me il fatto di esserti emozionato all’inizio della canzone ti aiutato ad entrare ancora meglio all’interno della canzone.

Ultimo argomento è la graticola alla mitica Mara.

Ringraziamo per la collaborazione Margherita Maffei.

Commenti (3)

  1. Vorrei dire alla signorina Benedetta Mazzini che ha detto che Nevruz avrebbe fatto bene a tirare uno schiaffo a Dorina che le donne non si sfiorano nemmeno con un dito.Non Sponsorizziamo la violenza contro le donne.

  2. Cristiano ha ragione e dice cose giuste:cosa ha a che fare Nevruz con il canto?poi trovo anche che Stefano sia sopravvalutato.

  3. @ that boy is a monster:
    Benedetta Mazzini in quell’occasione non disse che Nevruz avrebbe dovuto dare uno schiaffo a Dorina o, peggio, che avrebbe fatto bene a farlo. Disse semplicemente che lei, se se la fosse travata così vicina a gridarle in faccia le avrebbe “mollato una pizza”, non nel senso che Nevruz avrebbe dovuto farlo, ma nel senso che lei sarebbe scattata perdendo il controllo; lo dice allo scopo di “difendere” Nevruz, infatti poi aggiunge che lui è stato un signore mantenendo la calma e che si è comportato bene.
    Non incitava alla violenza…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>