Grande Fratello 9, la mercificazione dei sentimenti

di Redazione 1

Nella serata dello scandalo, che ha portato Enrico Mentana a dimettersi (l’ormai ex direttore editoriale pensava che la morte di Eluana Englaro fosse più importante della mercanzia di Laura), il Grande Fratello 9 regala il peggio e vince la gara degli ascolti. Sono troppo critico?

Analizziamo i fatti: Federica doveva essere espulsa il giorno stesso che ha tirato il bicchiere ed è stata messa fuori in diretta per fare più ascolti; Marco che parlava di grandi sentimenti a Vanessa, appena ha rivisto la sua ex Lea Veggetti, ha trattato la sua fiamma della casa come una pezza per i piedi dimostrando quanto “reality” siano i sentimenti la maggior parte delle volte (non dimentichiamoci Katia e Ascanio, l’eccezione che conferma la regola); Laura, la nuova bella ragazza entrata in casa, ha fatto il suo show (come faceva nei messaggi promozionali) con Gianluca e difficilmente sarà ricordata per il suo gran cuore a fine GF; i ragazzi hanno fatto volare parolacce come se fossero piccioni; in studio volano minacce, pseudo minacce, accuse di minacce, il tutto senza il minimo contraddittorio (vedi Daniela nei confronti di Federica)

Dove è finito il perbenismo di Signorini, subito pronto a puntare il dito contro Federica, ma incapace di schifare la mercificazione dei sentimenti? Come è possibile che una persona intelligente come lui apprezzi certi scherzi mal riusciti (Gianluca dopo due secondi aveva già capito che Laura vincitrice di un concorso era uno scherzo nei suoi confronti e più volte lo fa capire a parole, ma deve far finta di esserci cascato) e un tale circo senza dire nulla? Se si amano i reality bisogna criticare ciò che non va, perché non è giusto che si prenda in giro il pubblico.

Anche oggi devo ripetermi: lunga vita a Mai Dire Grande Fratello!

Commenti (1)

  1. Diego sono perfettamente d’accordo con te, soprattutto con l’ultima frase!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>