Boss della camorra con 320 telefonini: truccava i talent show

di Alessandro Ribaldi Commenta

Telefonate pilotate per alterare i televoti di quiz televisivi, concorsi e reality show non è la prima volta che capita. Un boss della camorra con però viene scoperto con ben 320 telefonini per truccare i talent è un qualcosa di decisamente unico. 

Domenico Ferrara di 56 anni, incensurato, è del clan camorrista Ferrara Cacciapuoti. Latitante da più di dieci anni è stato arrestato a Villaricca, in provincia di Napoli, insieme ad altre sei persone. Con lui ecco rinvenuti ben 320 telefonini.

Che non fosse un uomo d’affari lo si è capito subito, sembrerebbe infatti che tutti quei cellulari gli fossero serviti per manovrare le votazioni di Vania Ferrara, sua  figlia la quale partecipò a “Ti lascio una canzone“.

Alla fine del talent show condotto da Antonella Clerici, la concorrente Vania arrivò solo seconda classificata. Tutta la dedizione del padre per la telefonia mobile non è bastata  per farla trionfare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>