La Fattoria 4, giorno 38, 16 Aprile 2009: Carla Velli si racconta

di Redazione Commenta

Vengono trasmessi i momenti più salienti della puntata di ieri: i pesanti commenti fatti da Ciro e Barbara nei confronti di Lory, il confronto tra Ciro e Marianne, la quale sostiene che i due non hanno mai fatto l’amore (la ragazza farà molta strada come attrice), l’eliminazione di Barbara in sfida con Lory al televoto, e di Lory (nell’eliminazione a sorpresa in cui i candidati ad uscire erano lei, Guillaume e Marco) e la sfida tra i concorrenti rimasti che vede la vittoria di Guillaume il quale diventa elemento della casta, mentre l’ultimo arrivato Milo sarà il fatigador. In nomination questa settimana sono Morena e Ciro.

Ciro non ha paura della nomination, perchè se il pubblico vuole decretare la sua vittoria gli farà vincere ogni nomination. L’unica cosa che lo preoccupa è il fatto che è in nomination con l’unica donna rimasta nel relity, cioè Morena.

In studio a Pomeriggio cinque è presente Carla Velli, che non ama particolarmente Lory Del Santo, ma Anna Pettinelli prende le difese di Lory, dicendo che nonostante abbia attuato un mobbing nei confronti di Barbara, quest’ultima abbia attuato una strategia di attacco nei suoi confronti con offese continue e gravi. Carla concorda con il pensiero di Anna Pettinelli.

Anna pensa che anche Ciro non abbia avuto un comportamento corretto nei confronti di Lory definendola una vecchia, e sostiene che ancora sia un ragazzo immaturo che è stato plagiato da tutti (chi più, chi meno) i concorrenti all’interno della fattoria. Barbara D’Urso chiede a Carla se era attratta da qualcuno degli uomini all’interno della fattoria, ma la ragazza sostiene di non essere interessata a nessuno, anche se sta rivalutando la figura di Rocco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>